Header Top
Logo
Martedì 12 Novembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Amanda Knox (in lacrime) accusa Stato e media: io dipinta come un mostro

colonna Sinistra
Sabato 15 giugno 2019 - 16:10

Amanda Knox (in lacrime) accusa Stato e media: io dipinta come un mostro

Prosciolta per la morte di Meredith, ritorna in Italia: ma ho paura
Amanda Knox (in lacrime) accusa Stato e media: io dipinta come un mostro

Modena, 15 giu. (askanews) – Offrire allo spettatore “un mostro”, ancora prima di farlo entrare nell’aula di un tribunale, per comparire davanti al giudice e difendersi come vuole la legge. In Italia è possibile. Perché nei casi di cronaca nera, accanto al processo penale, si svolge abitualmente un “processo mediatico”, che antepone i “pregiudizi” alle prove e agli interrogatori. A testimoniarlo al Festival della giustizia penale di Modena è stata un’icona del linciaggio massmediatico, Amanda Knox, la giovane americana prosciolta nell’ottobre 2011 dalla corte d’Assise d’appello di Perugia assieme all’allora fidanzato Raffaele Sollecito in ordine all’accusa di omicidio della studentessa Meredith Kercher, avvenuto nella notte del 1 novembre 2007.

Ma il rito di “bollare preventivamente come mostro” chi è coinvolto in un processo penale, ha interessato negli ultimi 25 anni oltre 50mila persone, tante quante le domande di riparazione per ingiusta detenzione presentate allo Stato, che soltanto nel 2017 ha dovuto rimborsare per oltre 34 milioni di euro, come ha ricordato il presidente della Camera Penale di Modena, Guido Sola, uno degli del festival.

“Raffaele e io siamo stati marchiati dai titoli giornali, per sempre colpevoli al giudizio dell’opinione pubblica – ha spiegato Amanda Knox, parlando a Modena a una platea di circa mille persone -. Sono stata dichiarata innocente, eppure lo so che sarò sempre legata alla tragedia della morte della mia amica. Vengo insultata ogni volta che mi addoloro per lei. Vengo insultata come se il mio essere viva, il mio stesso respiro fosse un affronto alla memoria di Meredith. Vengo rimproverata ogni volta che i media parlano di me invece di Meredith come se io fossi quella a scrivere i titoli sui giornali”.

Questi sono solo alcuni dei “costi” che la giovane di Seattle ha dovuto sostenere a causa di una “storia falsa” e “confutata in laboratorio dalla più alta corte di questo paese”. Un paese che, nonostante tutto, Amanda continua ad amare. “Alcuni hanno persino affermato che solo stando qui con la mia presenza sto traumatizzando nuovamente la famiglia Kercher e profanando la memoria di Meredith. Si sbagliano – ha detto l’ex studentessa, interrompendo più volte il suo discorso per l’emozione e le lacrime -. E il fatto che io continui, nonostante la pronuncia della cassazione, ad essere ritenuta responsabile in questo modo per il dolore dei Kercher e per la reputazione di Perugia, dimostra quanto possono essere potenti le narrazioni false e come possano minare la giustizia specialmente quando sono rinforzate ed amplificate dai media”.

Ma i media – è venuta a dire la Knox nel dibattito sul “processo penale mediatico” a cui hanno partecipato anche il presidente nazionale dell’Ordine forense, Andrea Mascherin, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Milano, Vinicio Nardo, e la rappresentante di Italy Innocence Project, Martina Cagossi – possono anche rivelare e amplificare la verità, se solo i giornalisti hanno il coraggi di seguirla, di cercarla e se il pubblico la richiede. A Perugia non è andata esattamente così.

pat/int5

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su