Header Top
Logo
Mercoledì 16 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ue, mozione urgente al Pirellone su Tribunale Brevetti a Milano

colonna Sinistra
Lunedì 10 giugno 2019 - 15:45

Ue, mozione urgente al Pirellone su Tribunale Brevetti a Milano

Sarà presentata domani in Consiglio regioanle da Giudici(Lega)
Ue, mozione urgente al Pirellone su Tribunale Brevetti a Milano

Milano, 10 giu. (askanews) – Il consigliere della Lega Simone Giudici presenterà, durante la seduta di domani del Consiglio regionale della Lombardia, una mozione urgente per la candidatura a livello europeo di Milano a sede centrale del Tribunale Unificato dei Brevetti. A fine di questo mese si terrà l’incontro fra il presidente della Lombardia Attilio Fontana, il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, il presidente della Corte d’Appello di Milano e il presidente dell’Ordine degli Avvocati proprio per discutere della questione. La mozione mira dunque a rafforzare la posizione di Fontana nei confronti del Governo nazionale e a dare l’impressione di avere un fronte compatto e determinato per la candidatura di Milano. Per questo l’auspicio di Giudici è quello di ottenere la “massima collaborazione da parte di tutte le forze politiche” che siedono nell’Aula del Pirellone.

“Come è noto – ha scritto l’esponente della Lega in una nota – l’Europa si sta prestando a dotarsi di un nuovo assetto circa i brevetti, mediante la creazione di una certificazione unitaria e di una protezione uniforme che valga su tutto il territorio dell’Unione. Nel corso della presente e della passata Legislatura l’Aula del Pirellone si è pronunciata diverse volte favorevolmente alla candidatura di Milano a sede centrale del Tribunale Unificato dei Brevetti. Per la nostra metropoli si tratterebbe di una grande occasione: diventare la capitale europea dei brevetti e dell’innovazione. L’Italia infatti costituisce il Paese che, lo scorso anno, ha avuto l’incremento più significativo quanto a domande di brevetti e la Lombardia è la prima regione italiana su questo fronte. Viene da sé comprendere come Milano costituisca la candidata ideale, specie a fronte del mancato ottenimento della sede di Ema, l’Agenzia europea del Farmaco”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su