Header Top
Logo
Mercoledì 26 Giugno 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Milano: in 5mila per visitare atelier in prima giornata Apritimoda

colonna Sinistra
Sabato 18 maggio 2019 - 18:05

Milano: in 5mila per visitare atelier in prima giornata Apritimoda

Manifestazione giunta alla terza edizione. Fino a domenica

Milano, 18 mag. (askanews) – Successo oggi per la prima giornata di Apritimoda, l’evento che fino a domani apre gratuitamente al pubblico i luoghi nascosti e spesso inaccessibili dei più importanti atelier di moda di Milano, iconiche istituzioni e laboratori artigianali simbolo dell’identità della moda Made in Italy. In cinquemila oggi hanno curiosato tra gli atelier con visite libere o guidate, partecipando a workshop creativi ed entrando in contatto con il mondo della moda a 360 gradi, in alcuni casi conoscendo di persona stilisti e sarti.

“Un’affluenza così elevata è l’evidente segnale della curiosità delle persone di avvicinarsi a questo mondo e della voglia di scoprirne il dietro le quinte, il patrimonio invisibile di artigianalità e alta moda che è in tutto il mondo motivo di orgoglio per il nostro Paese”, ha commentato Cinzia Sasso, ideatrice di Apritimoda.

Dopo la prima edizione milanese – tenutasi nel 2017 – e quella fiorentina – avvenuta nel marzo 2018 – la terza edizione di Apritimoda, è stata realizzata con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBAC), del Comune di Milano, di Confcommercio Milano, della Fondazione Altagamma, del FAI – Fondo Ambiente Italiano e di Confindustria Moda, il sostegno della Camera Nazionale della Moda Italiana, della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte e la collaborazione della Piattaforma Sistema Formativo Moda. Dodici gli atelier di grandi maison del Made in Italy visitabili grazie ad Apritimoda: Alberta Ferretti, Agnona, Antonio Marras, Brunello Cucinelli, Curiel, Ermenegildo Zegna, Giorgio Armani, Herno, Moncler, Prada, Trussardi e Versace – oltre a due iconiche istituzioni quali Fondazione Gianfranco Ferré e Laboratori del Teatro alla Scala e il laboratorio artigiano Pino Grasso Ricami.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su