Header Top
Logo
Lunedì 22 Aprile 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Esino Lario non è in vendita, era provocazione contro spopolamento

colonna Sinistra
Giovedì 11 aprile 2019 - 13:59

Esino Lario non è in vendita, era provocazione contro spopolamento

Sindaco propone Paese come modello, basato su banda ultra larga
Esino Lario non è in vendita, era provocazione contro spopolamento

Milano, 11 apr. (askanews) – Il Comune di Esino Lario, paese di 700 abitanti in provincia di Lecco, non è in vendita. A rassicurare chi aveva preso sul serio la sua provocazione dei giorni scorsi è stato il sindaco, Pietro Pensa, che aveva pubblicato online un finto annuncio di vendita giustificato dalla necessità di ripianare presunti sbilanci delle casse comunali. In realtà il suo paese ha i conti in ordine, un saldo tra nascite e morti positivo, e l’inizitiva era solo un modo per portare l’attenzione sul problema dello spopolamento dei piccoli comuni.

A Esino l’hanno risolto anche grazie alla banda larga, arrivata nel 2016 con l’evento internazionale Wikimania. “Noi meno giovani pensiamo che la rete veloce sia indispensabile solo per il lavoro, ma per le nuove generazioni lo è sempre, in qualunque momento della giornata. Se vogliamo dunque trattenere i giovani e evitare che vadano via è basilare averla” ha osservato il sindaco, che nei giorni scorsi è stato coinvolto nella sua provocazione proprio da Eolo, operatore di telecomunicazioni specializzato nella fornitura di banda ultra larga wireless, che tre anni fa aveva portato la connettività veloce nel suo paese.

L’obiettivo di oggi è quello di lanciare il progetto Missione Comune di Eolo, che prevede la donazione a 300 comuni piccoli comuni sotto i 5.000 abitanti di dispositivi tecnologici e connettività per un valore di 3 milioni di euro in tre anni. “Questi comuni sono il patrimonio dell’Italia, stanno lentamente perdendo popolazione e hanno un’età media sempre più alta. A Esino nel 2016, nel giro di pochi mesi, abbiamo portato una connessione pazzesca ed è servito. Oggi vorremmo che il metodo Esino sia replicato” ha detto il fondatore e presidente di Eolo, Luca Spada. I cittadini potranno votare il proprio Comune e candidare dei progetti sulla piattaforma missionecomune.eolo.it con il limite di 14.000 euro per ciascun paese.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su