Header Top
Logo
Giovedì 18 Luglio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Amatrice, Pirozzi: alberghiero ma da prossimo anno scolaatico

colonna Sinistra
Lunedì 25 marzo 2019 - 11:47

Amatrice, Pirozzi: alberghiero ma da prossimo anno scolaatico

Questione va oltre confini comunali

Roma, 25 mar. (askanews) – “Dalla fine del mio mandato di sindaco, ho ritenuto corretto non intervenire sulla gestione ordinaria dell’amministrazione di Amatrice, per rispetto del ruolo dell’ex vicesindaco oggi facente funzione di sindaco. Ritengo però che la questione del definitivo ritorno ad Amatrice dell’istituto alberghiero, vada oltre i confini comunali e riguardi direttamente anche gli organi amministrativi superiori, Provincia di Rieti e Regione Lazio”. Così in una nota Sergio Pirozzi, Presidente della XII Commissione Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile, ricostruzione del Consiglio Regionale del Lazio. “Penso che sia necessario ridefinire – sottolinea – i tempi dello spostamento dell’istituto, posticipandoli all’inizio del prossimo anno scolastico, sia per accogliere le legittime istanze dei genitori, sia per poter avviare un progetto diverso, che preveda un ritorno definitivo ad Amatrice di tutto l’istituto, senza spostamenti parziali che oltre che compromettere lo svolgimento delle attività didattiche, potrebbero apparire propagandistiche a fini elettorali, stante le imminenti elezioni amministrative. Il ritorno di tutti gli studenti ad Amatrice, oltre a una più agevole definizione degli orari delle lezioni, permetterebbe anche consistenti risparmi: il costo di affitti e gestione della sede provvisoria si aggira intorno ai 500.000 euro all’anno, risorse che, senza sedi “doppione” potrebbero essere utilizzate per sostenere le attività economiche sul territorio. A tal proposito ho già avuto un confronto con il Presidente della Provincia di Rieti, Mariano Calisse, che mi ha dato la sua disponibilità” dice Pirozzi.

“Da un punto di vista operativo basta creare un numero chiuso di iscritti in base alle disponibilità ricettive che il territorio e i comuni limitrofi come Cittareale esprimono (convitto liceo scientifico, strutture private). Tutto questo costituirebbe il ritorno definitivo di quelle persone di Amatrice che in questi anni hanno fatto la spola con Rieti con grandi sacrifici personali, ridando ad Amatrice un primo pezzo di quello che è suo, e non un contentino” conclude l’ex sindaco di Amatrice.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su