Header Top
Logo
Mercoledì 19 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Scienza, al fisico Cingolani il premio “La Chiave dell’Unione”

colonna Sinistra
Venerdì 7 dicembre 2018 - 12:06

Scienza, al fisico Cingolani il premio “La Chiave dell’Unione”

A Firenze lunedì 10 dicembre

Firenze, 7 dic. (askanews) – E’ il fisico Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’IIT Istituto Italiano di Tecnologia, il destinatario de ‘La Chiave dell’Unione’, riconoscimento promosso dalla UISI Unione Imprese Storiche Italiane, associazione che abbraccia le marche ultracentenarie che hanno scritto la storia del Made in Italy. La cerimonia di consegna si terrà lunedì 10 dicembre (con inizio alle 19.30) presso Palazzo Incontri, a Firenze, nel corso del tradizionale Incontro d’Inverno organizzato dall’associazione.

“Scienziato visionario di fama internazionale, il cui ruolo propulsivo in diversi campi della scienza dello stato solido ha permesso lo sviluppo di importanti sinergie tra Ricerca e Imprese, in un quadro di lungimirante attenzione all’armonica compatibilità tra progresso tecnologico e qualità dell’esistenza umana”. Questa la motivazione del riconoscimento attribuito a Roberto Cingolani da parte della Giuria 2018 e dal Comitato d’Onore istituiti per individuare le candidature.

Cingolani è considerato tra i maggiori esponenti del mondo nel campo delle scienze dei materiali e delle nanotecnologie, si è occupato anche di robotica e di intelligenza artificiale (nel 2015 è uscito il suo libro ‘Umani e umanoidi. Vivere con i robot’), del rapporto tra innovazione e tecnologia, in una prospettiva di crescita locale e globale da un punto di vista sociale, culturale e anche imprenditoriale.

“Le imprese ultracentenarie guardano con grande attenzione a tutte le sollecitazioni che arrivano dal mondo della scienza e dell’innovazione tecnologica – afferma Eugenio Alphandery, presidente della UISI Unione Imprese Storiche Italiane – E questo perché nei secoli sono state capaci di adeguarsi ai cambiamenti in una prospettiva di crescita qualitativa e nel rispetto delle proprie tradizioni e delle proprie competenze secolari”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su