Header Top
Logo
Mercoledì 12 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Migranti, Roberti (Fvg): malafede in critiche a Carabinieri

colonna Sinistra
Venerdì 7 dicembre 2018 - 13:21

Migranti, Roberti (Fvg): malafede in critiche a Carabinieri

"Impegno Forze dell'Ordine è encomiabile"

Trieste, 7 dic. (askanews) – “L’impegno che le Forze dell’Ordine stanno profondendo per contrastare l’immigrazione clandestina in Friuli Venezia Giulia è encomiabile, oltre ad essere fondamentale per garantire un presidio costante ed efficace al territorio”. Lo afferma l’assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, evidenziando “sdegno e preoccupazione nei confronti di esternazioni che, di fatto, vanno nella direzione opposta rispetto a quella del buon senso e del bene comune”. “Insinuare che l’incidente dello scorso martedì sull’Altopiano Carsico triestino, quando un furgone guidato da passeur e carico di clandestini afghani e pakistani si è schiantato contro un’autovettura privata mentre tentava di fuggire all’alt dei Carabinieri, sia attribuibile al corretto compimento del loro dovere da parte dei militari – sottolinea Roberti – denota la volontà di delegittimare valori e principi fondanti della nostra comunità”. “La fiducia e il rispetto per la professionalità e l’abnegazione che contraddistingue l’operato dei Carabinieri come di tutte le Forze dell’Ordine nello svolgimento dei rispettivi compiti istituzionali – ribadisce l’assessore – è e deve essere fuori discussione”. “Appare comunque evidente – aggiunge Roberti – il conflitto di interessi riscontrabile nelle affermazioni di chi, da appaltatore di servizi, ha beneficiato dell’accoglienza a prescindere che, prima degli interventi operativi e normativi dei Governi nazionale e regionale, poteva anche contribuire a stimolare l’attività illecita dei trafficanti di esseri umani”. “Ora, fortunatamente, i tempi stanno cambiando e – conferma l’assessore alla Sicurezza – il nostro Paese non sarà più il refugium peccatorum di coloro i quali vengono respinti altrove perché non in possesso dei requisiti di rifugiato. Grazie a un deciso cambio di passo – conclude Roberti – per chi non è autorizzato a rimanere in Italia saranno avviate le procedure di rimpatrio e, con l’istituzione dei Cpr, avremo la possibilità di mantenere la situazione sotto controllo”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su