Header Top
Logo
Mercoledì 12 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sanità, Ordini medici: regionalismo sia solidale o Ssn crollerà

colonna Sinistra
Giovedì 6 dicembre 2018 - 21:22

Sanità, Ordini medici: regionalismo sia solidale o Ssn crollerà

La proposta Fnomceo: ogni regione più avanzata 'adotti' più povera

Roma, 6 dic. (askanews) – “Regionalismo differenziato sì, ma solidale”: è questa la proposta con cui la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri si inserisce nel dibattito aperto in questi giorni sulle autonomie regionali, dopo che i due vicepremier, prima Salvini e poi anche Di Maio, hanno assicurato che la questione sarà affrontata in Consiglio dei Ministri entro dicembre. “Un regionalismo solidale dovrebbe essere promosso, per dare piena attuazione all’articolo 3 della Costituzione, che promuove l’uguaglianza dei cittadini – afferma il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli -. Ogni regione più avanzata ‘adotti’ dunque una regione più povera, per perequare i servizi sanitari e renderli uguali. Questa è la strada per rendere concreto il dettato costituzionale e realizzare lo Stato dei Diritti disegnato dai nostri padri costituenti. Diversamente, applicare il regionalismo differenziato in sanità significherebbe smantellare il Servizio Sanitario Nazionale”.

“Siamo certi che non sia questa l’intenzione del Governo – continua Anelli -. Proprio oggi, infatti, il Ministro Grillo ha pubblicato due importanti documenti, l’Atto di indirizzo politico e il Piano Liste d’attesa, che vanno entrambi nella direzione di voler colmare le disuguaglianze sul territorio, questione cruciale per la tenuta del Servizio Sanitario Nazionale e per il riconoscimento dei diritti dei cittadini”. “Una buona iniziativa quella del Ministro Grillo, che prova coraggiosamente ad affrontare uno dei temi più spinosi, quello delle liste d’attesa – argomenta -. Lo spirito è quello giusto. L’idea dell’intramoenia aziendale riduce sicuramente le disuguaglianze e va incontro alle esigenze delle classi più povere e meno abbienti”.

(Segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su