Header Top
Logo
Giovedì 15 Novembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maltempo Fvg, Riccardi: entro 19 novembre stima preliminare danni

colonna Sinistra
Venerdì 9 novembre 2018 - 15:41

Maltempo Fvg, Riccardi: entro 19 novembre stima preliminare danni

Prima decisione della cabina di regia regionale

Trieste, 9 nov. (askanews) – È stato fissato per il 19 novembre il termine in cui verrà trasmessa da parte della Protezione civile regionale del Friuli Venezia Giulia la stima preliminare dei danni causati dal maltempo. Verrà inviata al Dipartimento nazionale che la sottoporrà a valutazione per procedere, nel caso i requisiti fossero soddisfatti, alla domanda di accesso ai fondi di solidarietà europei. È la prima decisione operativa assunta dalla cabina di regia promossa dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, per mappare e stimare i danni, stabilire le competenze e le procedure per le attività necessarie alla gestione dell’emergenza e al ripristino dei danni causati dal maltempo dei giorni scorsi. Alla riunione di questa “task force” regionale hanno preso parte oggi, con i vertici delle rispettive direzioni, gli assessori alle Risorse forestali Stefano Zannier, all’Ambiente Fabio Scoccimarro, alle Infrastrutture e Trasporti Graziano Pizzimenti, alle Attività produttive Sergio Emidio Bini. “Abbiamo fatto il punto in attesa dell’atto ufficiale del Dipartimento nazionale della Protezione civile che ci consentirà di definire quali sono i fondi a disposizione e quali sono gli strumenti di deroga rispetto ai procedimenti che avremo a disposizione per operare, in un quadro che attende la conferma ufficiale della nomina di Commissario straordinario nella personadel governatore Fedriga”, ha reso noto Riccardi. La priorità è quella della mappatura completa dei danni, per procedere alla richiesta di fondi e per stabilire la priorità degli interventi. “Una volta che avremo fissato una scala di emergenza e avremo quantificato il valore di ogni singolo intervento, dovremo distinguere le attività da svolgere in terreni e proprietà private da quelle di diretta competenza pubblica: è una partita complessa, dal punto di vista organizzativo, della titolarità dei procedimenti e delle responsabilità”, spiega Riccardi, ricordando che la materia ambientale richiede massima cautela. “Occorre mettere in campo una macchina che credo sia opportuno, per esperienza, venga coordinata dalla Protezione civile e poi gestita nelle singole competenze dalle direzioni centrali”, è l’opinione manifestata da Riccardi e che nel corso della riunione è stata unanimemente condivisa.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su