Header Top
Logo
Sabato 17 Novembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Foroni: Lombardia prosegue proprio percorso contro consumo suolo

colonna Sinistra
Giovedì 8 novembre 2018 - 17:47

Foroni: Lombardia prosegue proprio percorso contro consumo suolo

L'obiettivo è portarlo a quota zero entro il 2050

Milano, 8 nov. (askanews) – Consumo di suolo zero entro il 2050. Una rigenerazione da concepirsi sempre più in termini territoriali. Più visione e più strumenti di aiuto ai processi e una governance che nasca dalla vocazione dei territori e sappia integrare le competenze. È questa la ‘rinnovata sussidiarietà’ lombarda nella pianificazione urbanistica di cui si è parlato oggi al convegno ‘Urbanistica nella Lombardia del futuro’ alla presenza, tra gli altri, di Virginio Brivio, presidente Anci Lombardia, Pier Luigi Mottinelli, presidente Unione Province Lombarde e Philippe Daverio già docente di Design al Politecnico di Milano, a cui hanno preso parte stakeholder, tecnici, studiosi e rappresentanti degli enti locali.

“Nostro dovere, non solo politico, ma anche storico e morale, è lavorare tutti insieme, per fare della Lombardia una regione ancora più bella che guarda al futuro senza dimenticare la sua storia, la sua identità e le sue radici – ha commentato l’assessore regionale al Territorio, Pietro Foroni -. L’obiettivo che abbiamo stabilito di raggiungere con il mio Assessorato è portare il consumo di suolo nella nostra regione a zero entro il 2050, un principio invalicabile, un punto dal quale non possiamo e non vogliamo tornare indietro. Il primo passo per raggiungere questa ambiziosa meta è l’approvazione definitiva del Piano Territoriale Regionale (Ptr) da parte del Consiglio regionale, previsto entro Natale”.

Un convegno per fare il punto, dopo sei mesi di legislatura, su quanto è stato fatto e su quanto c’è ancora da fare. “Ora – ha specificato l’assessore – c’è la necessità di una programmazione urbanistica il più possibile ordinata, chiara e lungimirante, che sappia prevedere e programmare gli interventi che dovranno essere fatti da qui ai prossimi 20 o 30 anni. La parola chiave è rigenerazione urbana, sono ancora troppe le aree dismesse in Lombardia. Recuperarle è un’esigenza sia economica che sociale, perché in questo modo si eliminano potenziali aree di degrado”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su