Header Top
Logo
Domenica 16 Giugno 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Fotografia, Ken Damy: un viaggio interiore in 800 scatti

colonna Sinistra
Mercoledì 31 ottobre 2018 - 16:19

Fotografia, Ken Damy: un viaggio interiore in 800 scatti

L'artista ad Aieta (Cosenza) fino al 3 gennaio 2019
Fotografia, Ken Damy: un viaggio interiore in 800 scatti

Roma, 31 ott. (askanews) – Con “A year in the life 2017 ” Ken Damy torna a parlare attraverso la fotografia ad Aieta, gioiello calabrese nella provincia di Cosenza incastonato nel Parco Nazionale del Pollino, abitato da appena 850 anime che sovrasta l’Isola di Dino di fronte Praia a Mare sulla costa tirrenica da cui dista solo 12 km, piccolo miracolo della natura che guarda il mare da 520 km di altezza. Custodisce il Castello Rinascimentale a testimonianza dell’epoca florida che fu, della storia e della religiosità dell’area meta di monaci in fuga dall’Oriente. Ed è proprio il Castello Rinascimentale ad ospitare la mostra di Ken Damy che sarà visibile fino al 3 febbraio 2019, nel tentativo di valorizzare uno dei Borghi più Belli d’Italia con il suo patrimonio artistico e culturale anche durante i mesi invernali, mentre tra pochi giorni sempre ad opera di Ken Damy, verrà riallestita nelle scuderie del Castello di Santa Severina (Crotone) la mostra evento per il centenario della Prima Guerra Mondiale.

L’exibition multimediale dell’artista bresciano “A year in the life 2017” è ospitata nel piano terra del Castello Rinascimentale, uno spazio espositivo recentemente ristrutturato. Ken Damy da 5 anni risiede infatti ad Aieta e con la sua passione per la fotografia ha portato una nuova ventata culturale. Quello che Ken Damy ha messo a punto stavolta è un diario giornaliero che dura tutto il 2017, giorno dopo giorno, notte dopo notte. Così il maestro (ha insegnato fotografia a Bologna e fondato il Museo Ken Damy di Brescia) ha nuovamente scommesso con la sua originalità e la sua vocazione artistica. E con la caparbietà che lo contraddistingue si è impegnato in un progetto per un anno intero, utilizzando come mezzo di ripresa la sola fotocamera del suo cellulare. Nient’altro. Ha voluto dimostrare in questo modo che le fotografie si fanno prima con la testa e poi col cuore. Pienamente consapevole delle possibilità e dei limiti di un telefonino ha dovuto scegliere con attenzione i soggetti e rinunciare a molti. Il suo rigore artistico, nel tempo non è mai cambiato. Un anno intero fatto anche di giornate noiose e piovose. Sarebbe stato sicuramente più facile se avesse potuto viaggiare come ha sempre fatto. E come prova del progetto che stava sviluppando ha pubblicato quotidianamente su Facebook le sue fotografie. Il suo diario. Pochi hanno capito l’operazione fino a quando il lavoro non ha finalmente preso la sua forma, diviso mese per mese, visto tutto insieme, come una opera complessa e raffinata che mostra finalmente l’aspetto giusto, quello che l’artista aveva immaginato di voler esprimere.

Un’opera che attrae “A year in the life” addolcita dai toni delicati della scelta di stampa. Il racconto del 2017 per immagini essenziali che dicono molto dell’artista, dell’uomo attento e critico, sensibile e della sua capacità di cogliere emozioni nuove anche ripercorrendo quotidianamente gli stessi luoghi che restituisce al suo pubblico e a tutti quelli che amano i suoi scatti.

“Un anno vissuto pericolosamente – afferma Ken Damy – è un viaggio interiore, fatto di impressioni e riflessioni e il risultato, non c’è che dire, è molto affascinante”. La mostra si compone di 800 immagini e si sviluppa in 8 sale: 80 fotografie sono esposte in cornici 58x132cm, 30 giorni 2017 privilegiando Brescia e Aieta, i suoi luoghi del cuore, nord e sud. Venti fotografie invece vengono mostrate nel formato 112x87cm, più 4 installazioni di grande formato. Infine Ken Damy ripropone nel Castello Rinascimentale come fosse un monumento di 5x2mt l’installazione Primo Maggio, già esposta nella piazza di Aieta con 5 opere 70x100cm. Si tratta di 5 linee rosse spezzate in ricordo dei 5 manifestanti impiccati negli Usa. In un’altra sala del Castello Rinascimentale in ultimo è stata sistemata una televisione per poter vedere tutte le 800 immagini.

La mostra è aperta al pubblico dal giovedì alla domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15,30 alle ore19,30.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su