Header Top
Logo
Venerdì 22 Marzo 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Inaugurato al Mibac Ciclo Classi Aperte Corso Scuola Patrimonio

colonna Sinistra
Venerdì 19 ottobre 2018 - 15:48

Inaugurato al Mibac Ciclo Classi Aperte Corso Scuola Patrimonio

Primo appuntamento con Michele Ainis: "L'Art. 9 della Costituzione"
Inaugurato al Mibac Ciclo Classi Aperte Corso Scuola Patrimonio

Roma, 19 ott. (askanews) – Si è tenuto oggi, presso la Sala della Crociera al MIBAC, il primo appuntamento del ciclo di Classi Aperte promosso nell’ambito del Corso Scuola del Patrimonio 2018-2020, organizzato dalla Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali. Dopo un’introduzione di Carla Di Francesco, Direttore della Fondazione, e di Carla Barbati, membro del Consiglio Scientifico della Fondazione e Presidente del CUN Consiglio Universitario Nazionale, il giurista e costituzionalista Michele Ainis ha affrontato l’Articolo 9 della Costituzione Italiana.

“E’ uno dei principi fondamentali della nostra carta costituzionale. Parla di promozione e tutela, di cultura e paesaggio, di patrimonio storico e artistico – ha detto Ainis -. È importante studiarlo con attenzione, anche per la sua caratteristica di trasversalità e interdisciplinarietà. Ogni Costituzione è la carta d’identità di un popolo, ne rispecchia le attitudini, le tradizioni e il vissuto storico. Per questo dobbiamo esplorarla a fondo e riscoprirne la bellezza. L’Art. 9 è un unicum nel panorama costituzionale contemporaneo ed è nato un po’ per caso. Sebbene a proporlo furono due paladini illustri come Aldo Moro e Concetto Marchesi, era considerato pleonastico e fu approvato nello scetticismo generale, dettato più dalla preoccupazione per la nascita delle regioni italiane quindi per arginare la decentralizzazione. Sottovalutato negli anni Trenta, ha avuto il suo momento di gloria alla fine anni Settanta, quando nacque il movimento ambientalista”.

I successivi appuntamenti del ciclo di Classi Aperte vedranno la presenza, tra gli altri, di Silvia Costa, Salvatore Settis, Fabrizio Barca, Francesco Bandarin.

La Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali sperimenta una formazione finalizzata a costruire una comune cultura della responsabilità direttiva di chi opera nel settore del patrimonio culturale. A tal fine, il programma del Corso Scuola del Patrimonio prevede una decisa integrazione fra competenze tradizionali, competenze innovative legate ai mutamenti in atto nelle società contemporanee e negli specifici settori di riferimento, competenze trasversali come la gestione e amministrazione della tutela, della ricerca e della valorizzazione del patrimonio culturale. La Fondazione agisce nella convinzione che solo sul nucleo solido delle conoscenze tecnico-scientifiche, acquisito grazie alla formazione universitaria di livello avanzato (Scuola di Specializzazione o Dottorato di Ricerca), possano innestarsi sia saperi ulteriori provenienti da discipline e ambiti diversi, sia la trasmissione delle conoscenze maturate nel contesto concreto della ricerca, della tutela, dell’amministrazione, della gestione e della valorizzazione nel settore del patrimonio culturale.

Per Carla Di Francesco, Direttore della Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali e già Segretario Generale MIBAC, “la Scuola lavora, partendo dagli ambiti disciplinari tradizionali, come integratore di conoscenze diverse, per formare profili direttivi per i beni e le attività culturali”. “Non offre una formazione specialistica come le altre scuole del Mibac, ma ambisce a diventare il punto di riferimento della classe dirigente (pubblica e privata) del sistema dei beni culturali (occupandosi di management, di gestione del patrimonio) – ha aggiunto Di Francesco -. Questo posizionamento è importante alla luce del manifestarsi, in un momento di così forti e rapidi mutamenti, di esigenze del tutto nuove nei contesti della gestione del patrimonio culturale, che comportano il bisogno di nuovi saperi e approcci trasversali, la sperimentazione di soluzioni, l’aggiornamento e l’integrazione delle competenze esistenti”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su