Header Top
Logo
Martedì 16 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Caso Cucchi: Un comandante dell’Arma era a conoscenza del pestaggio

colonna Sinistra
Venerdì 12 ottobre 2018 - 17:11

Caso Cucchi: Un comandante dell’Arma era a conoscenza del pestaggio

Ci sono altri due carabinieri indagati
Caso Cucchi: Un comandante dell’Arma era a conoscenza del pestaggio

Roma, 12 ott. (askanews) – Verrà presto interrogato in Procura a Roma il luogotenente Massimiliano Colombo, comandante della stazione di Tor Sapienza dove venne portato Stefano Cucchi, dopo l’arresto per droga e il pestaggio subito alla stazione Casilina la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009.

Colombo, indagato per falso ideologico e perquisito nei giorni scorsi, sarà ascoltato dopo essere stato in qualche modo citato da Francesco Di Sano, il carabiniere scelto della caserma di Tor Sapienza che ebbe in custodia Cucchi.

Il militare sentito il 17 aprile scorso in relazione a due false annotazioni di servizio sullo stato di salute del geometra, Di Sano ha ammesso di aver dovuto ritoccare il verbale senza precisare da chi gli fu sollecitata la modifica. “Certo il nostro primo rapporto è con il comandante della stazione, ma posso dire che si è trattato di un ordine gerarchico”. E in quella stessa udienza anche il piantone Gianluca Colicchio, che subentro a Di Sano nella custodia di Cucchi, ha parlato di anomalie in una relazione di servizio (“è strana, porta la mia firma ma io non la ricordo e contiene termini che io non uso”).

E così la prossima settimana toccherà proprio a Colombo dare la sua versione dei fatti al pm Giovanni Musaro che lo ha sottoposto a una perquisizione finalizzata a individuare eventuali contatti e mail con i diretti superiori. Dalle parole di Colombo potrebbe dipendere il destino degli ufficiali più alti in grado che all’epoca acquisirono informazioni sul caso Cucchi senza adottare poi alcun provvedimento. Dall’istruttoria dibattimentale, infatti, e già emerso che i vertici dell’Arma erano a conoscenza del pestaggio subito da Cucchi ben prima che il caso finisse all’attenzione della magistratura e della stampa. Chi indaga vuole capire se gli stessi vertici si siano adoperati in qualche modo per far si che della vicenda venisse veicolata una versione soft nelle varie informative destinate all’autorità giudiziaria.

Nav-int4

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su