Header Top
Logo
Martedì 25 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Elkann commosso ricorda Marchionne: ci ha insegnato coraggio

colonna Sinistra
Venerdì 14 settembre 2018 - 15:53

Elkann commosso ricorda Marchionne: ci ha insegnato coraggio

Dicevi: 'io sono un metalmeccanico. Per me eri un amico
Elkann commosso ricorda Marchionne: ci ha insegnato coraggio

Torino, 14 set. (askanews) – “Hai insegnato a tutti noi a pensare diversamente. Ad avere il coraggio di cambiare, e di fare. A non aver paura. Caro amico, vai in pace”. Tradisce un pizzico di emozione in Duomo a Torino, il presidente di Fca ed Exor, John Elkann, rievocando la figura di Sergio Marchionne, scomparso lo scorso 25 luglio.

“La tenacia con cui perseguivi una pista che solo tu vedevi e aprivi, tirandoti dietro poi compagni di strada entusiasti. Dicevi ‘Io sono un metalmeccanico consapevole che da solo non avresti raggiunto i traguardi che hai tagliato”, ha ricordato Elkann.

“Quello che mi ha colpito di te, Sergio, fin dall’inizio sono state le tue qualità umane, la tua generosità e il tuo modo di capire gli altri”, ha aggiunto il presidente di Fca, che alla fine del suo discorso ha abbracciato la compagna del manager scomparso, Manuela Battezzatto. Un lungo applauso ha concluso la funzione.

“Per me sei stato una persona con cui confrontami e di cui fidarmi, soprattutto: un amico”, ha detto Elkann.

La celebrazione in Duomo, ha spiegato Elkann “è un omaggio della città per lui, in segno di rispetto e di cordoglio; ed è anche un abbraccio alla sua famiglia e ai suoi parenti, che sono venuti dall’Abbruzzo e un po da tutt’Italia e che salutiamo con affetto”.

“È infine un saluto commosso di chi ha lavorato con lui e ha condiviso anni intensi e indimenticabili”, ha aggiunto Elkann.

“In occasioni come questa non si può che parlare della vita.

Delle varie forme in cui la vita si manifesta, si scopre, ti sorprende. Guai a sostare un attimo, a tirare il fiato dopo una conquista, perché la vita non si ferma, si muove in continuazione, ed è sempre da scoprire, avanti, più avanti.Mai uguale a se stessa. Imprevedibile, ogni volta, e imprevista”, e stata la riflessione di John Elkann.

“Ho imparato, standoti vicino, Sergio, in tanti anni che la vita non ha un punto d’arrivo oltre il quale non c’è più niente”, ha concluso.

Prs MAZ 141545 SET 18 MAZ

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su