Header Top
Logo
Venerdì 21 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Rossi (Toscana): nessuno sconto a chi sfrutta i lavoratori

colonna Sinistra
Giovedì 13 settembre 2018 - 19:04

Rossi (Toscana): nessuno sconto a chi sfrutta i lavoratori

"Plauso al lavoro dell'Arma dei Carabinieri"
Rossi (Toscana): nessuno sconto a chi sfrutta i lavoratori

Roma, 13 set. (askanews) – “Esprimo, a nome della Regione Toscana, il mio plauso al lavoro dell’Arma dei Carabinieri che ieri ha sgominato un’organizzazione criminale dedita allo sfruttamento di lavoratori nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia in Toscana. Ricordo che la Regione ha deciso da tempo di sospendere i pagamenti dei contributi comunitari alle imprese che hanno procedimenti in corso per una serie di reati in materia di lavoro ed esclude dalle richieste di finanziamento le imprese i cui titolari hanno riportato sentenze di condanna. Se magistratura e forze dell’ordine ci forniranno l’elenco delle imprese che hanno fatto ricorso a forme di caporalato, la Regione Toscana procederà immediatamente ad agire di conseguenza”. Così il presidente della Regione, Enrico Rossi, commentando l’operazione anti-caporalato che ha portato ieri a tre arresti in Toscana.

“Non facciamo e non faremo sconti – prosegue – a chi non lavora nella legalità e sfrutta i lavoratori. Il rispetto della dignità dei lavoratori è al centro dell’azione dell’amministrazione regionale. Nell’ottobre 2016, una decisione della giunta ha previsto la sospensione dei pagamenti degli aiuti comunitari alle imprese anche quando a carico dell’imprenditore risultano procedimenti penali in corso per i reati in materia di lavoro – dallo sfruttamento dei lavoratori in condizioni di bisogno e di necessità ad altre fattispecie di reato in materia di lavoro nero e sommerso. Per quanto riguarda il settore agricolo – conclude -, eravamo intervenuti alcuni mesi prima, stabilendo con una delibera l’esclusione dall’accesso ai contributi in agricoltura coloro che hanno riportato sentenze definitive di condanna per reati gravi in materia di lavoro”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su