Header Top
Logo
Lunedì 20 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Consiglio Lazio, Lombardi (M5s): perplessa su piano Telecom

colonna Sinistra
Mercoledì 30 maggio 2018 - 16:21

Consiglio Lazio, Lombardi (M5s): perplessa su piano Telecom

"Soldi pubblici sono a sostegno, non a servizio aziende"

Roma, 30 mag. (askanews) – “Ho avuto l’occasione di esporre in un faccia a faccia con il dottor De Paoli le mie perplessità riguardo ad un piano di risanamento che sembra avere un tempismo da orologio svizzero. Infatti questa riorganizzazione aziendale, al prezzo di ben 4.500 esuberi sul territorio nazionale, arriva in un momento di bilanci floridi e all’indomani dell’entrata di nuovi azionisti in Telecom. Che da quello che si sa cambieranno anche l’organizzazione della società, a seguito dello scorporo della infrastruttura rete. Non vorremmo quindi pensare che questa mossa sia stata realizzata con l’intenzione di ridurre i costi aziendali addossandoli alla collettività e così “abbellire” i conti della società, come già alcuni quotidiani hanno ipotizzato”. Così Roberta Lombardi, capogruppo M5S in Regione Lazio e già deputata 5stelle, oggi in Commissione Lavoro alla Pisana dove è stato audito il responsabile delle Relazione Industriali di Tim s.p.a. Giuseppe De Paoli. “Ciò che mi preme far comprendere alla Telecom è che non ha più di fronte una Regione Lazio passiva, un bancomat per la formazione e la riqualificazione a disposizione quando i costi non si conformano agli obiettivi manageriali e vengono alla fine scaricati sui dipendenti. Comprendo le difficoltà di Telecom, ex monopolista spolpato negli anni da azionisti improvvisati e da manager rapaci, nel doversi adeguare costantemente ad un mercato iper-competitivo, costellato da operatori low cost e senza il giusto quadro normativo in grado di soddisfare le esigenze del settore, ma ciò non può ricadere sulla pelle di migliaia di lavoratori che così si troverebbero senza lavoro. La commissione lavoro della Regione Lazio si è assunta l’impegno di aprire un confronto con sindacati e Telecom, per trovare una soluzione che coniughi le esigenze dell’azienda con la tutela dei posti di lavoro. Vi aggiornerò sui lavori della Commissione. Nessuno rimarrà indietro” ha concluso Lombardi.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su