Header Top
Logo
Venerdì 19 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Farah, Zaia: l’ambasciata pakistana risolva il caso quanto prima

colonna Sinistra
Venerdì 18 maggio 2018 - 09:43

Farah, Zaia: l’ambasciata pakistana risolva il caso quanto prima

"Inaccettabile" il rimpatrio per abortire

Verona, 18 mag. (askanews) – “Mi auguro che l’ambasciata possa risolvere quanto prima il caso di Farah, che ritengo gravissimo ed inaccettabile”. Così Luca Zaia, presidente del Veneto, sulla vicenda della studentessa pakistana di Verona, portata in patria dalla famiglia, a suo dire, per abortire. “Farah, una studentessa veronese di origine pakistana, da tre mesi sarebbe stata portata in patria dal padre, segregata e costretta ad abortire il figlio che aspettava con un ragazzo veneto – ricorda Zaia -. Respingiamo ogni forma di cultura e di intolleranza, e ribadiamo con forza il rispetto dei diritti umani e i diritti fondamentali alla base della parità di uomini e donne. Chi porta avanti tradizioni opposte, qui non troverà spazio”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su