Header Top
Logo
Domenica 27 Maggio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Tumore fegato, in Italia nel 2017 diagnosticati 12.900 nuovi casi

colonna Sinistra
Giovedì 17 maggio 2018 - 15:57

Tumore fegato, in Italia nel 2017 diagnosticati 12.900 nuovi casi

A Bologna la III edizione della School of Liver Cancer

Roma, 17 mag. (askanews) – La lotta contro il tumore del fegato passa da Bologna. Il capoluogo emiliano ospita per due giorni (18-19 maggio) la terza edizione della School of Liver Cancer della prestigiosa società scientifica International Liver Cancer Association (ILCA), importante congresso internazionale con esperti da tutto il mondo per fare il punto sulle terapie più avanzate contro il tumore del fegato, organizzato grazie al supporto di Bayer.

Questo evento si svolge esclusivamente in centri di eccellenza e l’edizione 2018 è stata conferita all’Ospedale Universitario S. Orsola-Malpighi di Bologna. In Italia nel 2017 sono stati diagnosticati 12.900 nuovi casi di cancro del fegato (8.900 uomini e 4.000 donne). In controtendenza rispetto alle altre neoplasie, questo tumore fa registrare un maggior numero di diagnosi nel Sud Italia rispetto al Settentrione, in particolare fra le donne (+17%). Il dato si spiega con la prevalenza in queste aree delle infezioni causate dai virus dell’epatite B (HBV) e C (HCV).

“Questi virus sono le principali cause della neoplasia a livello globale – spiega Luigi Bolondi, Ordinario di Medicina Interna del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche e Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Interna dell’Università di Bologna -. In Italia oltre il 70% dei casi di tumori primitivi del fegato è riconducibile a fattori di rischio noti, collegati soprattutto all’infezione da virus dell’epatite C. Un’elevata percentuale di persone che contraggono questa infezione, stimata fino all’85%, va infatti incontro a cronicizzazione. E il 20-30% dei pazienti con epatite cronica C sviluppa, nell’arco di 10-20 anni, cirrosi e, in circa l’1-4%, successivo epatocarcinoma”. “È un momento storico per il paziente affetto da questo tipo di tumore perché lo scenario si sta evolvendo rapidamente – continua il professor Bolondi -. Dopo 10 anni di insuccessi in questo campo, anche grazie alla ricerca di Bayer, oggi sono disponibili dati clinici in grado di dimostrare che un approccio sequenziale di terapie sistemiche può incrementare la sopravvivenza del paziente con epatocarcinoma “. In futuro il panorama dei principali fattori di rischio è destinato a cambiare: la steatoepatite, caratterizzata dall’accumulo di grasso nel fegato, e le malattie incluse nella cosiddetta sindrome metabolica, in particolare diabete e obesità, che stanno assumendo un’importanza crescente, costituiranno le cause più importanti del tumore del fegato.

“La vaccinazione contro l’HBV, iniziata in Italia nel 1991 nei neonati e dodicenni e limitata ai soli neonati a partire dal 2003, ha profondamente ridotto l’impatto di questo virus in Italia. Per quanto riguarda l’HCV, manca ancora il vaccino, ma le terapie oggi disponibili permettono di eliminare questo virus, per cui il rischio di tumore del fegato riguarderà soprattutto i pazienti che hanno già sviluppato cirrosi”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su