Header Top
Logo
Sabato 20 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mondo di Mezzo, giudici confiscano beni per decine di milioni

colonna Sinistra
Giovedì 17 maggio 2018 - 19:11

Mondo di Mezzo, giudici confiscano beni per decine di milioni

A Carminati e soci, provvedimento notificato dal Gico della Gdf

Roma, 17 mag. (askanews) – Immobili, opere d’arte, terreni, conti correnti, quote sociali, macchine, libretti di deposito, obbligazioni, fabbricati, moto. C’è di tutto nell’elenco stilato dai giudici e confiscato nell’ambito dell’inchiesta sul “Mondo di Mezzo”, o anche detta “Mafia Capitale”. Il valore complessivo è di decine di milioni di euro. La decisione è stata presa dal tribunale speciale per le misure di prevenzione di Roma, presieduto da Guglielmo Muntoni, che ha accolto in pieno le tesi della Procura capitolina.

Secondo il collegio i diversi indagati sono “pericolosi socialmente” e la loro pericolosità, “ritenuta di rilevante spessore, ancora oggi ha i caratteri dell’attualità”. Il provvedimento, notificato al Gico della Guardia di Finanza per la sua esecuzione, è stato emesso nei confronti dell’ex estremista di destra Massimo Carminati, del suo braccio destro Riccardo Brugia, del cosiddetto ‘ras delle cooperative’ Salvatore Buzzi, degli imprenditori Cristiano Guarnera, Agostino Gaglianone, Giuseppe Ietto e poi per Roberto Lacopo, Fabio Gaudenzi e Giovanni De Carlo.

Il tribunale ha anche disposto la misura della sorveglianza speciale, con obbligo di soggiorno a Roma per tre anni e presentazione alla polizia giudiziaria un giorno a settimana, nei confronti di Lacopo, Guarnera, De Carlo, Gaglianone, Ietto e Gaudenzi. La misura dovrà essere applicata una volta espiata la pena definitiva. Analogo provvedimento potrebbe esser adottato – si aggiunge – per Carminati, Buzzi e Brugia, condannati in primo grado a pene pesantissime (rispettivamente 20 anni, 19 anni e 11 anni di reclusione)

Il collegio ha quindi pronunciato “difetto di buona fede” per due istituti bancari in relazione a un mutuo di 150mila euro ciascuno concesso ad Alessia Marini, la compagna di Carminati, e a Lacopo, con perdita del diritto di ipoteca.Il processo d’appello – si ricorda – è ancora in corso. I pubblici ministeri hanno sollecitato che venga riconosciuta la contestazione della associazione per delinquere di stampo mafioso.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su