Header Top
Logo
Mercoledì 17 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Milano, 27 kg di fumo e erba: arrestati padre e figlio incensurati

colonna Sinistra
Giovedì 17 maggio 2018 - 17:19

Milano, 27 kg di fumo e erba: arrestati padre e figlio incensurati

Sono due insospettabili milanesi di 57 e 27 anni
Milano, 27 kg di fumo e erba: arrestati padre e figlio incensurati

Milano, 17 mag. (askanews) – L’altro ieri gli investigatori della sezione Narcotici della squadra mobile della Questura di Milano hanno arrestato in flagranza un 27enne milanese incensurato trovato in possesso di quasi 7,8 chilogrammi tra marijuana e hashish, e 186.600 euro in contanti. Il giovane è stato trovato nell’abitazione di via Castelbarco dove abitano i genitori, nel corso di una perquisizione effettuata a seguito dell’arresto del padre (un 57enne incensurato) che era stato compiuto lo stesso pomeriggio dagli agenti della Stradale della Liguria. Il genitore era stato fermato per un controllo al km 106 della carreggiata Sud dell’autostrada Milano-Genova (la A7 “Serravalle”), tra Isola del Cantone e Ronco Scrivia. Nell’Audi Q2 su cui viaggiava da solo, gli agenti hanno trovato due scatole in cartone con all’interno diversi sacchetti contenenti 11,370 chilogrammi di “erba” e 8,150 chili di “fumo”. La Stradale ha quindi avvertito i colleghi della Mobile meneghina, che hanno deciso di far scattare un’immediata perquisizione.

Nell’abitazione e nelle cantine di via Castelbarco (a due passi dalla Bocconi), i poliziotti milanesi non hanno però trovato nulla. Il nervosismo del figlio ha però attirato l’attenzione degli agenti, che hanno trovato un mazzo di chiavi che il 27enne ha dovuto ammettere fossero quelle di un appartamento che aveva in uso, nonostante fino a quel momento avesse negato di avere la disponibilità di altre case. L’abitazione in questione, si trova in piazza Arnoldo Mondadori, nella centrale e signorile zona Crocetta, e nella perquisizione sono saltati fuori altri 6,344 chilogrammi di marijuana, 1,466 chili di hashish, l’ingente cifra in mazzette da 5mila euro chiuse in una cassaforte, oltre a telefoni cellulari, tablet, una bilancia di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su