Header Top
Logo
Mercoledì 25 Aprile 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Vino, il Canada con un +9% è il quinto mercato per export italiano

colonna Sinistra
Martedì 17 aprile 2018 - 10:55

Vino, il Canada con un +9% è il quinto mercato per export italiano

Confcooperative: in 2017 vendite hanno raggiunto 333 milioni euro
Vino, il Canada con un +9% è il quinto mercato per export italiano

Roma, 17 apr. (askanews) – Il Canada si conferma come il quinto mercato di esportazione per il vino italiano, dopo Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Svizzera. Nel 2017, sulla base delle ultime rilevazioni Ismea, le vendite complessive hanno raggiunto i 333 milioni di euro, con una crescita del 9% in volume rispetto al 2016.

Quanto è destinato a crescere questo mercato alla luce dell’accordo di libero scambio ratificato lo scorso anno tra Canada e Unione Europea? L’Alleanza Cooperative Agroalimentari lo ha chiesto alle principali cantine associate presenti sul mercato canadese. “Dalle analisi dei dati di vendita delle nostre cantine, – spiega Ruenza Santandrea, coordinatrice vino dell’Alleanza cooperative Agroalimentari – non emergono ancora, ad oggi, incrementi di export significativi. Ciò è dovuto al fatto che il Canada è dominato da due monopoli, il Quebec e l’Ontario, che importano vini e li distribuiscono sul mercato interno. L’abolizione dei dazi, di cui sono i monopoli a beneficiare in maniera diretta, consentirà loro di immettere sul mercato vini a prezzi più bassi, mantenendo intatti i propri margini (il sistema dei monopoli serve infatti al governo canadese per coprire la spesa sanitaria). Non appena i vini italiani costeranno di meno, potremmo realisticamente avere, come effetto indiretto, un aumento nel medio-lungo periodo della domanda dei consumi da parte dei canadesi”.

“In tal senso – conclude Santandrea – sarà fondamentale continuare a lavorare affinché, pur in presenza di un mercato caratterizzato da una parziale chiusura dovuta alla presenza dei monopoli, vengano progressivamente innalzate le quote di importazioni di vino dedicata all’Europa”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su