Header Top
Logo
Domenica 16 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Rilasciato il primo timbro professionale di “architetta”

colonna Sinistra
Martedì 13 marzo 2018 - 12:46

Rilasciato il primo timbro professionale di “architetta”

A Nicoletta Salvi, la prima in Italia a farne richiesta
Rilasciato il primo timbro professionale di “architetta”

Roma, 13 mar. (askanews) – Nove anni. Tanto è servito a Nicoletta Salvi, “architetta”, per ottenere dall’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia un timbro professionale declinato al femminile. Dopo le tre sue colleghe di Bergamo che hanno ottenuto il timbro “al femminile” nell’aprile del 2017, anche Salvi ha finalmente ritirato un timbro che riportasse la dicitura che desiderava. Finalmente perchè la sua richiesta, la prima in Italia di essere riconosciuta come donna anche in ambito professionale, risale al 2009, ben nove anni fa.

All’epoca il Consiglio Nazionale si espresse con parere negativo perchè “pur essendo da più parti, sia in ambito nazionale sia europeo, sollecitato l’uso non discriminante dei titoli professionali in riferimento alle donne, utilizzando forme al femminile o creandone di nuove ove queste non fossero già disponibili (cfr. il testo dello studio Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana svolto nel 1987 da Alma Sabatini per la Presidenza del Consiglio dei Ministri), allo stato attuale sulla base di quanto previsto all’art.15 comma 3a del DPR 328/2001 non risulta consentita l’indicazione, nei documenti rilasciati dall’Ordine, di un titolo professionale diverso da architetto”.

Salvi in questi nove anni si è data da fare per trovare una soluzione a questo intoppo burocratico e culturale mobilitando l’Accademia della Crusca e persino la presidente della Camera Laura Boldrini. “Per me è un rammarico non essere stata la prima in assoluto in Italia, visto l’impegno e la determinazione che mi hanno mosso in questi anni – spiega -, ma l’importante è che la breccia sia stata aperta e che sempre più architette possano rivendicare la loro esistenza come donne all’interno dell’Ordine professionale”.

Il passo successivo all’interno dell’Ordine di Roma, spiega ancora salvi – sarà quello di avere la possibilità per le neo iscritte di scegliere quale timbro avere: se quello al maschile o quello al femminile.

Red

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su