Header Top
Logo
Sabato 18 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Campania, al via “formazione duale – imparare lavorando”

colonna Sinistra
Lunedì 12 marzo 2018 - 18:52

Campania, al via “formazione duale – imparare lavorando”

Bando della Regione per avviare i giovani al lavoro

Napoli, 12 mar. (askanews) – Favorire l’occupabilità giovanile, promuovendo l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e contrastando la dispersione scolastica, attraverso progetti formativi ad hoc, è l’obiettivo dell’Avviso “formazione duale – imparare lavorando”, pubblicato dalla Regione Campania con una dotazione di 7,5 milioni di euro rivolto alle agenzie formative accreditate per costituire percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) per il triennio 2018-2021, dedicati a giovani campani in età di obbligo scolastico dai 14 ai 18 anni e, comunque, fino ai 24 anni. “Entra nel vivo un modello formativo integrato tra scuola e lavoro che ha le sue radici nella cultura tedesca – ha commentato l’assessore alla Formazione, Chiara Marciani – che permette per la prima volta in Regione Campania ai giovani che hanno maggiori difficoltà a rimanere a scuola, in particolare tra i 14 ed i 18 anni, di ottemperare l’obbligo scolastico conseguendo una qualifica professionale. I giovani, infatti, dovranno acquisire competenze non solo teoriche ma principalmente pratiche, e soprattutto imparare mestieri e professioni attraverso stage, tirocini e percorsi di apprendistato direttamente nelle aziende, dove potranno mostrare attitudini e crearsi opportunità reali di inserimento lavorativo”. “L’obiettivo – ha continuato – è creare una cerniera tra mondi che, fino ad oggi, si sono parlati poco: il sistema dell’istruzione, quello della formazione professionale e il mercato del lavoro. Un ponte, quindi, che vede gli enti formativi e i datori di lavoro, fianco a fianco, per costruire figure professionali adeguate alle esigenze delle aziende, e che favorisce il ricambio generazionale, sconfigge la dispersione scolastica, accoglie e include anche i più fragili e i disabili. La formazione finalizzata, infatti, è l’unica via per ridurre la disoccupazione giovanile, rispondendo alle esigenze emerse sul mercato”. (segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su