Header Top
Logo
Venerdì 19 Gennaio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mafia a Catania, sequestrati beni per 41 milioni di euro

colonna Sinistra
Giovedì 11 gennaio 2018 - 14:21

Mafia a Catania, sequestrati beni per 41 milioni di euro

A imprenditore supermercati vicino a cosca "Cappello-Bonaccorsi"
20180111_142059_83795BD0

Palermo, 11 gen. (askanews) – Beni per 41 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Squadra Mobile di Catania su ordine del Tribunale etneo – Sezione Misure di Prevenzione – nei confronti di un imprenditore 48enne pluripregiudicato, M.G., orbitante nell’area di influenza della cosca “Cappello-Bonaccorsi”.

I sigilli sono stati apposti a immobili e imprese attive nella grande distribuzione. In particolare sono stati sequestrati 13 supermercati (a marchio G.M.) dislocati a Catania e in provincia; un distributore di carburanti; terreni edificabili, ville, automobili, conti correnti e rapporti bancari per un valore di 250.000 euro.

I beni sarebbero stati accumulati illecitamente dall’uomo, ritenuto soggetto socialmente pericoloso, già particolarmente attivo nel traffico degli stupefacenti, per le cui condotte ha subìto severe condanne definitive e che, in virtù della sua “vicinanza” al clan mafioso “Cappello-Bonaccorsi”, si è distinto nella capacità di inserirsi nel mercato della grande distribuzione di generi alimentari, reimpiegando il denaro provento delle attività illecite, nell’acquisto di beni e nella costituzione di numerose attività commerciali, tutte a lui riconducibili.

L’imprenditore, in particolare, era vicino al boss Angelo Acisi, elemento di vertice del clan “Cappello-Bonaccorsi”, di cui aveva anche favorito la latitanza.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su