Header Top
Logo
Venerdì 15 Dicembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute, Telesca: ok regolamento accredito strutture dipendenze

colonna Sinistra
Giovedì 7 dicembre 2017 - 15:53

Salute, Telesca: ok regolamento accredito strutture dipendenze

"Continua lavoro miglioramento qualità in servizi sociosanitari"

Trieste, 7 dic. (askanews) – La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell’assessore alla Salute, Maria Sandra Telesca, ha approvato il regolamento che disciplina i requisiti e la procedura per il rilascio dell’autorizzazione e dell’accreditamento istituzionale alle strutture residenziali e semiresidenziali, pubbliche e private, per la terapia riabilitativa delle dipendenze.

“Il documento – ha spiegato Telesca – costituisce un’ulteriore tappa del programma regionale di accreditamento perché, così come attuato per le strutture private di degenza ed ambulatoriali, delle residenze sanitarie assistenziali (Rsa) e degli hospice, consente di concedere l’accreditamento definitivo anche alle strutture private che erogano prestazioni per la terapia riabilitativa delle dipendenze per conto del sistema sanitario regionale (Ssr) già provvisoriamente autorizzate al funzionamento perché iscritte all’albo regionale degli enti ausiliari”.

Le strutture già operanti per conto del Ssr, prima di presentare la domanda di accreditamento, devono ottenere il rinnovo dell’autorizzazione inoltrando l’istanza entro due mesi dalla pubblicazione sul Bur del regolamento e sulla base dei nuovi requisiti previsti.

“L’adeguamento dell’autorizzazione di cui queste strutture sono già in possesso è necessario – ha spiegato Telesca – poiché i nuovi criteri sono formulati tenendo conto della specializzazione dei servizi e dei programmi rivolti a persone che necessitano di cure diversificate in base ad alcune caratteristiche personali e alle tipologie dei bisogni. Proprio per favorire gli interventi mirati finalizzati al superamento della dipendenza e al reinserimento della persona nella società, sono previste diverse tipologie di strutture, differenziate per livello di servizio, sulla base dei bisogni terapeutici dell’utenza”.

“Con questo atto – ha concluso Telesca – continua il lavoro per il miglioramento della qualità in tutti i servizi socio sanitari”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su