Header Top
Logo
Giovedì 14 Dicembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Fermato un militante di Forza Nuova per l’intimidazione a “Repubblica”

colonna Sinistra
Mercoledì 6 dicembre 2017 - 19:00

Fermato un militante di Forza Nuova per l’intimidazione a “Repubblica”

Denunciato per violenza privata
20171206_190038_1BAA3A1C

Roma, 6 dic. (askanews) – E’ stato fermato dalla polizia uno dei partecipanti alla protesta di Forza nuova davanti alla sede del gruppo editoriale La Repubblica a Roma. Oggi pomeriggio, alle ore 15:30, una decina di persone, travisate da maschere bianche, – a quanto riferisce la Questura di Roma – sono giunte sotto la sede del gruppo Repubblica-L’Espresso lanciando alcuni fumogeni e mostrando un cartello recante la scritta “boicotta La Repubblica e L’Espresso”.

Il blitz è durato alcuni minuti, dopo di che le persone si sono allontanate su via Cristoforo Colombo.

L’intervento delle pattuglie della polizia di Stato ha consentito di rintracciare uno dei partecipanti, un 34enne conosciuto dalla Digos quale attivista di Forza Nuova.

Il giovane, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per manifestazione non preavvisata, travisamento, violenza privata ed accensione di artifizi pirotecnici in luogo aperto al pubblico.

Sul posto si sono recati gli agenti della Polizia Scientifica per i rilievi del caso e per l’acquisizione delle immagini, attraverso le quali si cercherà di identificare gli altri partecipanti al blitz. Anche il ministro dell’Interno, Marco Minniti, è andato nella sede del quotidiano per manifestare la propria solidarietà. Solidarietà è stata espressa anche dagli esponenti delle principali forze politiche.

Forza Nuova, su Facebook, ha rivendicato l’azione: “Roma e l’Italia – si legge in un post – si difendono con l’azione, spalla a spalla, se necessario a calci e pugni. Le chiacchiere dei politicanti o le false opposizioni (vedi destre al soldo di Berlusconi) sono nemiche del popolo quanto, se non di più, la banda Renzi. Oggi è stato solo il ‘primo attacco’ contro chi diffonde il verbo immigrazionista, serve gli interessi di Ong, coop e mafie varie. Da oggi inizia il boicottaggio sistematico e militante contro chi diffonde la sostituzione etnica e l’invasione. Oggi è iniziata la difesa dei patrioti contro il veleno di questi terroristi mascherati da giornalisti.

Questi infami sappiano che non gli daremo tregua, li contesteremo ovunque. Boicotta De Benedetti, il Gruppo L’Espresso, La Repubblica, combatti il sistema. Giuliano, Consuelo e Simone liberi”.

Red/Nes/Int9

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su