Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Toscana, Rossi: ben 102 Comuni hanno usufruito della legge 65

colonna Sinistra
Martedì 14 novembre 2017 - 18:50

Toscana, Rossi: ben 102 Comuni hanno usufruito della legge 65

"Alto anche il numero delle varianti"

Firenze, 14 nov. (askanews) – “A distanza di tre anni dalla sua approvazione possiamo dire che la legge regionale 65/2014 sta avendo successo, infatti sono già stati presentati 102 nuovi Piani strutturali, dei quali 76 intercomunali. E’ alto anche il numero delle varianti agli strumenti urbanistici approvate in questo periodo, 701 tra varianti ai vecchi piani strutturali e ai regolamenti urbanistici, ma tutte queste varianti sono conformi a quanto previsto da lr 65 e Pit, dunque possono essere considerate come frutti di un progressivo adeguamento ai nuovi strumenti urbanistici”. A dirlo è stato il presidente della Regione Enrico Rossi, che incontrando la stampa ha fatto il punto anche sull’applicazione delle nuove norme a tutela del paesaggio da parte delle amministrazioni comunali toscane. “D’ora in poi – ha aggiunto Rossi – ci aspettiamo un’accelerazione e che tutta la Toscana si doti di strumenti conformi alla lr 65”.

“In Toscana stiamo mettendo in atto le più avanzate politiche urbanistiche del panorama nazionale per tutelare il territorio e contrastare la cementificazione. Ma c’è chi si ostina a non vederlo. Ci si oppone infatti allo spostamento della pista di Peretola senza vedere il parco agricolo della Piana, 7000 ettari che la Regione sta per iniziare a piantumare. Ci si oppone alle quattro corsie della Tirrenica senza considerare che la Toscana ha bisogno di infrastrutture moderne e sicure e che la soluzione a quattro corsie con messa in sicurezza dell’Aurelia proposta dal Ministro Delrio è quella ottimale.Queste polemiche tuttavia non indeboliscono la volontà dell’ente che mi onoro di presidere, che è quella di tutelare il paesaggio e parimenti dotare la Toscana di infrastrutture senza le quali rischieremmo di regredire”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su