Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Abruzzo, Lolli: finanziamenti agevolati per pagare le tasse

colonna Sinistra
Martedì 14 novembre 2017 - 20:29

Abruzzo, Lolli: finanziamenti agevolati per pagare le tasse

Ecco le banche che aderiscono al 'Plafond moratoria Sisma'

L’Aquila, 14 nov. (askanews) – In seguito alla ripresa della riscossione tributi dopo le sospensioni causa sisma e grazie alla convenzione tra l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) e la Cassa Depositi e Prestiti, i titolari di reddito di impresa, di lavoro autonomo e degli esercenti attività agricole abruzzesi che rientrano nel ‘Plafond Moratoria Sisma Centro Italia’ possono chiedere alle banche aderenti un finanziamento agevolato per fronteggiare il pagamento. Per agevolare i soggetti interessati, lo scorso 3 luglio ABI e Cassa depositi e prestiti hanno sottoscritto la convenzione ‘Plafond Moratoria Sisma Centro Italia’ per finanziamenti agevolati garantiti dallo Stato. Pertanto, i titolari di reddito di impresa, di lavoro autonomo e degli esercenti attività agricole della regione Abruzzo possono chiedere alle banche aderenti un finanziamento per fronteggiate il pagamento dei ‘Tributi 2017’, nonché di quelli dovuti dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, cosiddetti ‘Tributi Il vice Presidente della giunta regionale, Giovanni Lolli, in una nota sottoscritta anche dal direttore generale, Vincenzo Rivera, elenca le banche aderenti per richiedere le agevolazioni previste. Si tratta di: Banca di Credito Cooperativo del Velino S.C., Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona S.C., Banca dei Sibillini – Credito Cooperativo di Casavecchia (Comune di Pieve Torina-Provincia di Macerata) – SC, Intesa San Paolo S.P.A., Banca Monte dei Paschi di Siena S.P.A.; Banca di Credito Cooperativo di Basciano S.C. Dal prossimo 16 dicembre, come comunicato dal Commissario per la Ricostruzione, Paola De Micheli, infatti, riprenderà, per i titolari di reddito di impresa, di lavoro autonomo e degli esercenti attività agricole, la riscossione, senza sanzioni e interessi, dei tributi non versati, per effetto delle sospensioni legate al sisma 2016 e di quelli dovuti nel periodo dal 1° dicembre 2017 al 31 dicembre 2017.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su