Header Top
Logo
Sabato 21 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • HiTech e servizi di pubblica utilità: WhereApp bilancio di un anno

colonna Sinistra
Venerdì 13 ottobre 2017 - 08:08

HiTech e servizi di pubblica utilità: WhereApp bilancio di un anno

Rostan (Mdp): Estendere uso piattaforma a tutte le Prefetture
20171013_080838_483519B3

Milano, 13 ott. (askanews) – Oltre un milione e 500.000 messaggi di pubblica utilità inviati agli utenti sul tutto il territorio nazionale, ma “mirati” a 3.015 aree geografiche configurate in Italia come Target da 516 mittenti certificati attivi sul territorio nazionale. Sono i numeri, elevati e rilevanti, che danno il valore di un anno di attività dell’applicazione “WhereApp” (scaricabile da App Store e da Google Play), realizzata dalla struttura informatica italiana “VJ Technology”: il bilancio dei primi 12 mesi di operatività è stato presentato dall’ideatore del sistema Paolo Lanari alla Camera dei deputati.

Fino ad oggi sono state 50.000 le comunicazioni di eventi atmosferici, 100.000 le segnalazioni su viabilità e traffico, 60.000 comunicazioni di eventi sismici, 500.000 eventi culturali e sportivi, 450.000 avvisi di pubblica utilità, 150.000 comunicazioni di eventi atmosferici, 150.000 messaggi di informazione, ma anche 100.000 segnalazioni di opportunità di lavoro e concorsi.

“Il bilancio è assolutamente positivo e speriamo di continuare su questo trend”, ha detto Mauro Santini, direttore marketing di WhereApp. Ripercorrendo le prime tappe del percorso di WhereApp, “Abbiamo lanciato l’app un anno fa e l’abbiamo immediatamente concessa, in forma gratuita, alla Croce rossa e alla Protezione civile cercando di mettere a disposizione una piattaforma unica e rivoluzionaria, che ha l’obiettivo di innanzitutto di far parlare mittenti certificati, quindi dare informazioni veritiere e certe alla popolazione, in una modalità georeferenziata, che è un’altra caratteristica che ci rende unici”.

“L’altro motivo del successo dell’app fino ad oggi è il rispetto della privacy – ha aggiunto Santini – Gli utenti non sono infatti costretti a lasciare i propri dati e numeri di telefono per farsi raggiungere da informazioni certe inviate da mittenti certificati, che possono essere Comuni, Pubbliche Amministrazioni o associazioni”.

L’utilità pubblica di WhereApp non è passata inosservata alle istituzioni. La deputata Michela Rostan (Articolo 1 Mdp) ha presentato un’interrogazione al ministro Minniti, perché “tra i tanti fenomeni che potrebbero essere interessati da questo sistema – si legge nell’interrogazione – ci sono quelli del bullismo, cyberbullismo e della violenza sulle donne”. Per la parlamentare “l’utilizzo di sistemi certificati come WhereApp appare come una grande opportunità per l’Italia, perché consente ai cittadini di avere informazioni utili in tempo reale”. “Se il ministero dell’Interno realizzasse un focus sulla possibilità di estendere a tutte le Prefetture l’utilizzo di questo servizio tecnologico, credo che la risposta sarebbe di buona politica e soprattutto di supporto a fenomeni particolarmente gravi ed allarmanti nel nostro Paese”.

I primi “testimonial” sono stati scelti tra chi, ogni giorno, è impegnato in prima linea, come i sindaci, che hanno potuto provare direttamente le funzionalità della nuova applicazione. “Abbiamo scelto WhereApp perché volevamo raggiungere i cittadini con un sistema nuovo in grado di parlare al nostro territorio, un sistema in grado di garantire l’immediata diffusione delle informazioni inviate e l’autenticità delle nostre notizie”, ha dichiarato Stefano Bondesan, presidente dell’Unione dei Comuni Coser e primo cittadino del Comune di Pezzana, in provincia di Vercelli. Soddisfazione condivisa anche dal sindaco di Stroppiana, Giuseppino Carenzo: “WhereApp ci consente di informare in pochissimi secondi anche quelli che non vogliono fornire a nessuno il loro numero di telefono o gli altri dati personali. Con questo nuovo strumento – ha aggiunto – abbiamo la possibilità non solo di parlare a chi vive stabilmente nel nostro comune, ma anche a chi attraversa le nostre strade solo perché è in viaggio dalle nostre parti”.

Positiva anche l’esperienza del sindaco di Caresana, Claudio Tambornino: “Abbiamo avuto riscontri positivi anche con i cittadini, che hanno accettato e utilizzano l’applicazione. Perché l’arrivo del messaggio è immediato e ci fornisce la possibilità di interagire in tempi brevi con la comunità. A differenza di tutte le altre piattaforme che abbiamo potuto utilizzare, questa garantisce la privacy degli utenti e la possibilità di destinare i messaggi, attraverso liste di distribuzione, a utenti particolari”.

Feedback assolutamente positivi anche dal rappresentante della Croce Rossa: “Sono molto soddisfatto, perché WhereApp ha dato ampia informazione di tutte le attività di Croce Rossa nell’ambito del territorio”, ha affermato Bruno Scarpellini, commissario del Comitato locale Municipio 5 di Roma della Croce Rossa. “Evidenziando anche per tutte le attività che realizziamo, non solo nel settore sanitario, ma anche per il sociale e a favore dei giovani”.

WhereApp ha ora avviato la fase sperimentale dello “Sportello Attivo” per segnalazioni di atti di bullismo, cyber bullismo e violenza contro le donne. All’incontro ha preso parte anche la professoressa Maria Alessandrì, referente del progetto bullismo e cyberbullismo promosso dal Liceo ginnasio statale “Anco Marzio” di Ostia, che è in procinto di lanciare la prima applicazione per l’informazione, l’educazione, la prevenzione e il contrasto dei due fenomeni. Si tratta di un progetto pilota finanziato dalla Regione Lazio, che fornisce ai nativi digitali uno sportello virtuale dove ricevere un primo supporto in modo semplice e intuitivo e fissare un incontro “face to face” durante l’orario scolastico con un team di docenti esperti, composto da un giurista, uno psicologo e un informatico. E tutto questo avviene attivando una funzione dedicata di WhereApp. “La scuola è un elemento principale del contrasto al bullismo – ha dichiarato Alessandrì -e l’utilizzo di un’app si inserisce proprio nel momento in cui uno studente potenziale vittima di bullismo o cyberbullismo ha in mano lo smartphone e può chiedere aiuto in tempo reale”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su