Header Top
Logo
Sabato 21 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Veneto: da Regione ok accordo programma per Porto Marghera

colonna Sinistra
Giovedì 12 ottobre 2017 - 17:03

Veneto: da Regione ok accordo programma per Porto Marghera

Pieno rientro per 134 dipendenti

Venezia, 12 ott. (askanews) – Ricomincia una nuova vita lo stabilimento Pilkington di Porto Marghera, la vetreria industriale del gruppo inglese controllata dalla società nipponica NSG: lunedì 16 ottobre ripartirà il forno industriale per la produzione di vetri float, spento da cinque anni, grazie al programma di rilancio industriale che vede Regione Veneto, Regione Abruzzo, Mise e Invitalia attivare nuovi investimenti per oltre 29 milioni di euro. Oggi la Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al Lavoro, ha dato il proprio ok allo schema di accordo, primo passo verso la stipula ufficiale di patto concertato che per lo stabilimento di Porto Marghera vale un investimento complessivo di 14,5 milioni di euro e un programma di rilancio produttivo e occupazionale che garantirà il pieno rientro dei 134 dipendenti in contratto di solidarietà da anni, nonchè l’assunzione di 57 nuovi tecnici. L’accordo di programma sancisce la fine della lunga crisi della vetreria industriale iniziata nel 2011, con l’interruzione della produzione, la riduzione dell’occupazione (40 fuori uscite volontarie) e il ricorso ai contratti di solidarietà per gli altri 134 dipendenti. Chiave di volta del nuovo programma di sviluppo industriale (che interessa le due sedi di Pilkington in Italia, Porto Marghera a Venezia, e San Salvo, in provincia di Chieti) sono gli investimenti rivolti alla diversificazione dell’attività produttiva, all’innovazione e alla ricerca .Investimenti che complessivamente ammontano a 29,7 milioni di euro tra Porto Marghera e San Salvo, di cui 4,5 garantiti da agevolazioni ministeriali e cofinanziamenti regionali. “La storia di Pilkington – evidenzia l’assessore al Lavoro, Elena Donazzan – ha visto la partecipazione continua della Direzione Lavoro e dell’Unità di crisi della Regione Veneto che si è adoperata nella fase di accompagnamento, quando si pensava ad una chiusura definitiva nel 2011, ed ora, nell’ultimo anno e mezzo, è stata protagonista della fase di rilancio, in una stretta sinergia con il Ministero per lo Sviluppo economico”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su