Header Top
Logo
Domenica 24 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ex miniere Sulcis, verso recupero Laveria La Marmora a Nebida

colonna Sinistra
Venerdì 15 settembre 2017 - 12:12

Ex miniere Sulcis, verso recupero Laveria La Marmora a Nebida

Gioiello del patrimonio di archeologia industriale della Sardegna

Roma, 15 set. (askanews) – Un altro passo avanti verso il recupero e la valorizzazione dei beni ex minerari del Sulcis Iglesiente è stato fatto nel corso di un incontro, svoltosi nella sede della Presidenza della Giunta regionale, tra i sottoscrittori dell’Accordo di programma per la riqualificazione del sito della Laveria La Marmora. La Soprintendenza del MIBACT ha comunicato ufficialmente che la prima fase, cioè la messa in sicurezza d’emergenza, si è conclusa positivamente. Ora partiranno le fasi successive che porteranno al recupero definitivo del bene, uno dei gioielli del patrimonio di archeologia industriale della Sardegna.

Oltre al recupero degli edifici della Laveria, è previsto un intervento sull’approdo, la discenderia e la sentieristica. Questo consentirà di rendere accessibile il sito sia da terra che da mare. Passi avanti anche sul progetto di riuso del bene, definito “Museo di se stesso”: sarà verificata la possibilità di riqualificare altri spazi per offrire ulteriori servizi ai visitatori. Si procederà, dunque, alla redazione del progetto preliminare che sarà oggetto di discussione del prossimo tavolo tecnico. Gli interventi sono il frutto della positiva collaborazione tra diversi soggetti che stanno operando fattivamente, ognuno nel proprio ambito di competenza, per il recupero del sito.

Il coordinamento è stato assunto dalla Soprintendenza archeologica di Cagliari, le risorse sono state messe a disposizione interamente dal Parco Geominerario, mentre la stazione appaltante è la Provincia del Sud Sardegna. L’ARST, infine, fornirà il supporto tecnico per la realizzazione di un sistema di trasporto passeggeri su rotaia, compatibile con il contesto storico e paesaggistico del sito monumentale. Il Parco Geominerario, oltre che finanziatore dell’intervento, sarà anche il gestore del bene insieme al Comune di Iglesias e IGEA.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su