Header Top
Logo
Mercoledì 17 Luglio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Uccisa Ayse, la militante filo-curda raccontata da Zerocalcare

colonna Sinistra
Giovedì 1 giugno 2017 - 12:23

Uccisa Ayse, la militante filo-curda raccontata da Zerocalcare

Era "cappuccetto rosso" in Kobane Calling
20170601_122301_59BE6E8A

Roma, 1 giu. (askanews) – In Turchia era nota come “La ragazza con le sciarpe rosse”. In Italia era diventata famosa grazie al fumettista Zerocalcare che aveva raccontato la resistenza di “Cappuccetto rosso” in difesa della città curda-siriana di Kobane contro l’avanzata dei jihadisti dello Stato Islamico. Ayse Deniz Karacagil aveva 24 anni ed è stata uccisa martedì scorso in combattimento nei pressi di Raqqa, ‘capitale’ nel nord della Siria del Califfato nero nel mirino di un’offensiva delle forze curde-siriane sostenute da Washington.

La notizia della morte della 24enne è stata data ieri da diversi media turchi indicandola come “kirmizi fularli kiz” (La ragazza con le sciarpe rosse). Il giornale Vatan, senza fornire dettagli sulla morte della ragazza, riferisce solo che “Ayse è rimasta uccisa assieme ad altri membri del Pkk”; il Partito dei Lavoratori del Kurdistan turco considerato da Ankara un’organizzazione terroristica. Lo stesso quotidiano aggiunge che “alla notizia della morte della loro figlia, il padre e la madre di Ayse Nuray Erçag Omar e Faruk Karacagil sono scoppiati a piangere”.

Ayse Deniz Karacagil, attivista di sinistra nata nel 1993 ad Antalya, città nel sud est della Turchia, era stata arrestata durante le proteste di Gezi Park nel 2013. Dopo una condanna a 103 anni di carcere nel 2014, si era unita alle Unita di Difesa del Popolo (Ypg) milizie curde-siriane impegnate nella guerra agli uomini del Califfo Abu Bakr al Baghdadi. (foto tratta dal profilo Facebook di Zerocalcare).

Ieri, Zerocalcare ha voluto ricordare la figura di Ayse sul suo profilo Facebook. Il fumettista l’aveva conosciuta durante Il suo viaggio al confine della Turchia con la Siria, dove migliaia di curdi siriani ma anche turchi si riversarono a Kobane, per difendere la città da un lungo assedio imposto dagli uomini neri riuscendo alla fine a segnare la prima sconfitta militare del Califfato che fino ad allora non aveva mai perso una battaglia sul campo.

Fth-Cam

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su