Header Top
Logo
Giovedì 19 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Milano, indagini su possibile radicalizzazione di Hosni

colonna Sinistra
Venerdì 19 maggio 2017 - 18:40

Milano, indagini su possibile radicalizzazione di Hosni

Al vaglio inquirenti ultime frequentazioni e mutamento fisico

Milano, 19 mag. (askanews) – Potrebbe essersi radicalizzato all’Islam negli ultimi mesi Ismail Hosni, il 20enne italo-tunisino arrestato ieri sera per aver accoltellato due militari e un’agente della Polfer alla stazione centrale di Milano. E’ questa una delle ipotesi investigative al vaglio degli inquirenti milanesi che, in queste ore, stanno effettuando una serie di accertamenti sulla sua rete di conoscenze.

L’italo tunisno, stando a quanto emerso fino ad ora, frequentava soprattutto l’area intorno alla stazione centrale e la zona di Via Padova, uno dei quartieri multietnici del capoluogo lombardo. In più occasioni è stato fermato dalla Polfer in servizio allo scalo ferroviario milanese, tanto che a novembre venne arrestato insieme a un altro presunto pusher che – ma per il momento è solo un’ipotesi – potrebbe averlo indottrinato e per questo è finito sotto la lente degli investigatori. Dal confronto delle numerose foto degli ultimi mesi – sia quelle segnaletiche sia quelle postate su una pagina Facebook a lui attribuibile – emerge un profondo cambiamento fisico che probabilmente – ma anche questa è un’ipotesi tutta da verificare – denota anche mutamento ideologico: se fino a gennaio scorso era completamente sbarbato e amava indossare capi alla moda, nei mesi successivi ha adottato uno stile più sobrio e si è fatto crescere una folta barba.

(segue)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su