Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Che fine ha fatto Nordert Feher (alias “Igor il russo”)

colonna Sinistra
Giovedì 13 aprile 2017 - 20:57

Che fine ha fatto Nordert Feher (alias “Igor il russo”)

In fuga da 5 giorni
20170413_205722_1F5A0842

Bologna, 13 apr. (askanews) – “Non è un fantasma”, ma conosce così bene la campagna tra Bologna e Ferrara, dove si nasconde da oltre 5 giorni, che potrebbe rendere ancora lunga l’attesa per la sua cattura. Per dirla con le parole del comandante provinciale dei carabinieri di Bologna, Valerio Giardina, il killer che ha ucciso il barista Davide Fabbri e la guardia ambientale volontaria, Valerio Verri, e ferito il collega Marco Ravaglia “si sente braccato e può anche sopravvivere con poche cose, quei pochi frutti o verdure, uova o galline che il territorio può offrire”.

Mentre le squadre dei paracadutisti “Tuscania” e i cacciatori “Calabria” continuano a cercare ininterrottamente il fuggitivo “Igor”, le uniche conferme arrivano dal Dna che i Ris hanno trovato nelle tracce di sangue lasciate dal serbo davanti al bar di Riccardina di Budrio la sera dell’1 aprile e nel Fiorino abbandonato una settimana dopo nei pressi di Molinella, dopo il secondo omicidio a Portomaggiore: appartiene alla stessa persona e quella persona si chiama “Norbert Feher”. Le sue impronte digitali, lasciate sul volante del furgoncino e su alcuni oggetti contenuti in una busta di plastica appartengono alla stessa persona che in Serbia è ricercato per rapina e violenza sessuale.

“Non stiamo cercando un fantasma, ma una persona ben definita che ha commesso un delitto e dobbiamo essere bravi a catturarlo” spiega al quinto giorno di indagini il comandante Giardina, che raccomanda i residenti a “non lasciarsi andare a isterismi” e a “prestare massima attenzione, fare rete e al movimento sospetto chiamare immediatamente le forze di polizia”.

Norbert Feher “è una persona che da oltre 10 anni frequenta questo territorio. Non ha vissuto chiaramente in modo isolato. Investigatori vagliano tutti gli elementi. Più siamo in grado di fare terra bruciata attorno a noi, più il latitante si sente in difficoltà”. Ma sui tempi di cattura del latitante nessuno si può esprimere.

Pat/Int2

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su