Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Riapre a Roma All’Oro, creatura dello chef stellato Di Giacinto

colonna Sinistra
Lunedì 20 marzo 2017 - 16:06

Riapre a Roma All’Oro, creatura dello chef stellato Di Giacinto

Nel primo hotel 5* di proprietà dello chef del ristorante
20170320_160652_B44D3186

Roma, 20 mar. (askanews) – Dopo 15 mesi di lavori di ristrutturazione riapre a Roma All’Oro, il ristorante dello chef stellato Riccardo Di Giacinto: occuperà l’intero piano terra di The H’All, il primo hotel 5* di proprietà dello chef del ristorante, nato su misura quasi sartoriale proprio per accogliere All’Oro. La cucina di 130 mq è stata realizzata da Riccardo e dalla moglie Ramona Anello sulle base delle su esigenze attuali e di quelle della brigata di 10 persone che vi lavorerà: il percorso è antiorario, dalla pasticceria ai primi, secondi, antipasti, magazzino, merci, pass e filtro per la sala dotato di una spessa finestra, restando quindi visibile al cliente. La cantina a vista, refrigerata, offrirà 600 referenze. Ad aprile verrà realizzato il giardino d’inverno esterno.

Al fianco di Riccardo Di Giacinto e Ramona Anello, come socio per la sola parte alberghiera, è l’immobiliarista Renzo Valeriani già proprietario del Roma Luxus Hotel e della holding RV Group. La struttura sorge a pochi passi da piazza del Popolo e Via del Corso, in via Pisanelli 25.

La nuova linea di All’Oro riunisce i piatti classici di Riccardo Di Giacinto come il Rocher di Coda alla vaccinara, il Riassunto di Carbonara, i Cappelletti in brodo asciutto con Parmigiano, zafferano e limone alle nuove proposte come la Rocket salad, Solo Lasagna! o il Vitello con cavolfiore, liquirizia e caviale. Alcuni piatti saranno completati in sala come la T’Agliata o il Cacio e Shaker. “Vogliamo riportare la sala a essere la protagonista del servizio – racconta Riccardo – come è sempre stato e ancora oggi avviene presso le tavole più prestigiose del mondo come quelle di Alain Ducasse o di Yannick Alleno: uno chef, come un re, deve dare spazio alle figure che lo circondano, solo così l’ospite vivrà un’esperienza indimenticabile”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su