Header Top
Logo
Mercoledì 16 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Polizia Roma Capitale: guerra agli insulti sui social network

colonna Sinistra
Martedì 14 marzo 2017 - 16:23

Polizia Roma Capitale: guerra agli insulti sui social network

"In qualsiasi caso si configuri reato, interverremo sicuramente"
20170314_162334_A83CCE80

Roma, 14 mar. (askanews) – “Tolleranza zero” per gli insulti sui social network: i vigili romani dichiarano guerra a post e commenti ritenuti offensivi e diffamatori.

“Dopo le offese e le diffamazioni – spiega in una nota della Polizia di Roma Capitale -, gli auguri di morte: il Comando Generale ha deciso di denunciare due persone che su Facebook avevano più volte insultato il Corpo e i suoi componenti”.

I responsabili, lo scorso febbraio – si legge ancora nel comunicato -, avevano commentato alcuni post presenti sulla piattaforma Facebook scrivendo pesanti frasi e volgarità sia dirette al Corpo che agli agenti, aggiungendo anche una foto obsoleta non rispondente a verità, con il chiaro intento di diffamare la Polizia di Roma Capitale. Il tutto, tra l’altro, era stato rilanciato da un famoso blog scandalistico, che aveva diffuso gli insulti su internet.

Convocati presso il Comando Generale, i due “internauti” sono stati denunciati: costretti a nominare un avvocato di fiducia, riceveranno presto ulteriori comunicazioni dall’Autorità Giudiziaria.

A pochi giorni dal varo del nuovo profilo ufficiale Facebook, che si aggiunge a quello già attivo su Twitter – aggiunge la nota -, la Polizia Locale ha quindi iniziato ad tener d’occhio la rete e tutti coloro che rilasciano commenti o post offensivi, grazie anche alle segnalazioni provenienti dagli stessi agenti. “Tutti coloro che utilizzano i social networks devono assumersi la responsabilità di quello che scrivono. In qualsiasi caso venga a configurarsi un reato, interverremo sicuramente”, promette il Comandante Generale Diego Porta.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su