Header Top
Logo
Mercoledì 18 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Terrorismo, altre due espulsioni. Sono 127 dal 2015

colonna Sinistra
Mercoledì 30 novembre 2016 - 14:22

Terrorismo, altre due espulsioni. Sono 127 dal 2015

Alfano: "Prosegue l'intensa attività di prevenzione"
20161130_142159_F090F2A9

Roma, 30 nov. (askanews) – Espulsi negli ultimi giorni dall’Italia due uomini per motivi di sicurezza dello Stato, legati all’estremismo di matrice islamica. Sono 127 gli espulsi da gennaio 2015 a oggi nel contrasto all’estremismo religioso, di cui 61 dall’1 gennaio 2016.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha fatto sapere che “oggi è stato rimpatriato, con un volo partito da Milano Malpensa, un 26enne kosovaro, residente a Fiesse, in provincia di Brescia. Le indagini di Polizia hanno documentato che lo straniero era collegato al circuito di un foreign fighter marocchino, partito da Brescia nel settembre 2013 per raggiungere il teatro siro-iracheno dove si era unito alle milizie dell’autoproclamato Stato Islamico. Il profilo facebook del kosovaro è apparso subito molto interessante perché conteneva documenti e file di propaganda jihadista, nonché contatti con due noti islamisti, un tempo presenti in Italia e già destinatari di miei provvedimenti di espulsione. Inoltre, era impegnato in azioni di proselitismo nei confronti di alcuni utenti del web, esortandoli ad unirsi al Califfato”.

“Il kosovaro era stato destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Brescia per il reato di apologia e istigazione per reati di terrorismo, aggravati dall’uso del mezzo telematico, eseguita lo scorso 3 novembre, ma il 18 novembre era stato scarcerato in ottemperanza all’ordinanza del competente Tribunale del Riesame”.

In questi giorni è stato espulso anche un 42enne pakistano, in Italia dal 2006, frequentatore del luogo di culto tabligh di Prato, che aveva maturato un rapido processo di radicalizzazione indotto da un suo connazionale, già espulso per motivi di sicurezza dello Stato nell’aprile 2015: “Le attività investigative e di intelligence – ha spiegato il titolare del Viminale – hanno riscontrato che lo straniero manteneva contatti in Pakistan con ambienti islamici radicali e con soggetti che sostengono organizzazioni terroristiche attive in Afghanistan. Prosegue, dunque, l’intensa attività di prevenzione per abbassare il più possibile il livello di rischio in Italia, pur nella consapevolezza che nessun Paese, oggi, può dirsi a rischio zero”, ha concluso Alfano.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su