Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maxi truffa ai risparmiatori, nei guai consulente finanziario

colonna Sinistra
Mercoledì 30 novembre 2016 - 10:18

Maxi truffa ai risparmiatori, nei guai consulente finanziario

Gdf sequestra beni e disponibilità per 1,6 milioni di euro

Roma, 30 nov. (askanews) – La proposta allettante di investire e guadagnare. Ma la realtà è una truffa delle più classiche, per farsi consegnare denaro e comprare case. E’ questo il motivo per cui stamane i militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Roma stanno eseguendo il sequestro di beni immobili e dei saldi di conto corrente, per un valore di oltre 1 milione e 600mila euro, nei confronti del consulente finanziario Marco Nasti, accusato di aver truffato i propri clienti.

In particolare – si spiega in una nota – approfittando della sua qualifica professionale e del fatto di lavorare per un noto intermediario bancario, nel prospettare guadagni rapidi e cospicui, Nasti ha convinto diversi clienti a disinvestire i risparmi affidati alla banca, dell’ammontare complessivo di circa 1,3 milioni di euro, per metterli in una società. Dove però dietro c’era lui.

La fiducia dei risparmiatori, però, è venuta meno quando, alle scadenze previste, il consulente non ha più restituito le somme affidate, rendendosi irreperibile. Dalle segnalazioni delle vittime della truffa sono scattate le indagini del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, al termine delle quali il Giudice per le Indagini preliminari ha adottato un provvedimento di sequestro a carico di Nasti e di un soggetto a lui vicino, quest’ultimo indagato per riciclaggio per aver trasferito parte dei proventi dell’illecito raggiro (oltre 300.000 euro) in società che gli investigatori hanno dimostrato essere riconducibili allo stesso Nasti.

L’indagine delle Fiamme gialle – aggiunge – ha consentito di accertare che le somme trasferite dai truffati sui conti correnti del consulente e delle società a lui collegate sono state, in realtà, indebitamente impiegate dal principale indagato per i propri fini personali nonché per ostentare un alto tenore di vita, finalizzato proprio a carpire la fiducia di nuovi risparmiatori.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su