Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • ##Amanti killer a Saronno, 15 indagati fra medici e dirigenti

colonna Sinistra
Martedì 29 novembre 2016 - 18:47

##Amanti killer a Saronno, 15 indagati fra medici e dirigenti

Accusati a vario titolo di omessa denuncia e falso ideologico
20161129_184738_8E97FDE0

Milano, 29 nov. (askanews) – Nell’operazione dei carabinieri del nucleo operativo di Saronno che ha portato all’arresto per omicidio volontario di un medico anestesista e di un’infermiera dell’Ospedale della cittadina lombarda ci sono anche 15 indagati. Si tratta per la maggior parte medici e dirigenti della struttura sanitaria che, a vario titolo, non avrebbero agito con tempestività al momento della valutazione di casi sospetti e di un militare della Compagnia dei carabinieri di Saronno per cui è ipotizzato il reato di omissione di denuncia in relazione ai fatti collegati all’omicidio del marito dell’infermiera. Le altre quattro vittime accertate dagli inquirenti sono malati terminali uccisi dal dottore con dosi letali di farmaci.

Fra gli indagati ci sono il direttore sanitario e medico dell’Ospedale di Saronno e il direttore del reparto Operativo del Pronto Soccorso. Per entrambi il reato ipotizzato è omissione di denuncia e favoreggimento personale in merito all’attività della Commissione interna dell’Ospedale di Saronno, di cui facevano parte, che aveva valutato già nel 2013 i casi di decessi sospetti avvenuti durante i turni del medico arrestato oggi. Insieme a loro ci sono altri membri della Commissione interna e il direttore dell’Azienda ospedaliera di Busto Arsizio all’epoca dei fatti, che aveva istituito la stessa Commissione. Il reato di omissione di denuncia è stato ipotizzato per il responsabile Sitra aziendale, un medico del Pronto Soccorso e un medico di un reparto specialistico.

Ci sono anche tre indagati in merito all’omicidio del marito dell’infermiera arrestata, ucciso dalla coppia, legata da un rapporto sentimentale, con un mix di farmaci che nel tempo lo ha debilitato fino alla morte. Si tratta di due medici in servizio presso il reparto operativo di Pronto soccorso e un medico di un reparto specialistico per cui il reato ipotizzato è falso ideologico.

Le indagini hanno comunque escluso il concorso di personale dell’Ospedale di Saronno nella morte dei pazienti ed è stato accertato che non ci sono stati casi di omicidio successivi a maggio 2014.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su