Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • “Failures”, Milano celebra il design anche con i suoi fallimenti

colonna Sinistra
Giovedì 7 aprile 2016 - 11:52

“Failures”, Milano celebra il design anche con i suoi fallimenti

A Cascina Cuccagna storie di errori da cui sono nate buone idee
20160407_115230_14FCAD15

Milano, 7 apr. (askanews) – Le antiche stanze della Cascina Cuccagna dall’8 al 17 aprile ospitano “Failures”, una mostra dedicata all’insolito tema del fallimento nell’arte e nel design. Una rassegna, curata da Raumplan e Accc in occasione del Fuorisalone 2016, che porta negli oltre 4.000 metri quadrati dell’ex corte agricola situata a pochi passi da Porta Romana storie di progetti falliti, atti mancati, anelli che non tengono. Storie di errori da cui sono scaturite buone intuizioni o preziosi spunti per nuove direzioni di ricerca. Il fallimento è usato come chiave per indagare i percorsi solitamente nascosti della progettazione. Se infatti la logica del successo tende a censurare errori e cambi di rotta, esporre il fallimento significa riportare al centro dell’attenzione il processo, perché è nel processo che designer e produttori creano vero valore aggiunto.

“Failures” racconta il dietro le quinte del mondo del design: un itinerario attraverso gli imprevedibili sentieri del progetto, passando per prototipi e pezzi unici, celebri flop e autoproduzioni di avanguardia. La mostra principale comprende pezzi unici di maestri come Aldo Rossi, Alessandro Mendini, Ettore Sottsass, Marco Zanuso, Anna Castelli e Richard Sapper, grazie alla partecipazione delle istituzioni museali di prestigiosi brand come Alessi e Kartell. Oltre a questi, noti designer contemporanei come Riccardo Blumer e Franceso Faccin raccontano il loro approccio alla progettazione, esponendo prototipi che illustrano le diverse fasi dei loro processi di ricerca.

Accanto alla mostra principale, la sala Capriate ospita la mostra collettiva. Una selezione di giovani designer che propongono prototipi e autoproduzioni d’avanguardia, mettendo in scena la quotidianità del lavoro del progettista, tra ricerca e contaminazione. I trials sono le “prove libere” in cui i designer si lasciano alle spalle l’imperativo del successo a breve termine per tentare sperimentazioni più rischiose e produrre innovazione. Gli altri spazi di Cascina Cuccagna sono destinati a professionisti, studi di progettazionee aziende: realtà che creano valore attraverso la ricerca e l’innovazione.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su