Header Top
Logo
Giovedì 9 Aprile 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salvo Riina dice a Bruno Vespa che lui non giudica Falcone e Borsellino

colonna Sinistra
Mercoledì 6 aprile 2016 - 20:49

Salvo Riina dice a Bruno Vespa che lui non giudica Falcone e Borsellino

"Qualsiasi cosa verrebbe strumentalizzata; rispetto tutti i morti"
20160406_204854_459AC6C6

Roma, 6 apr. (askanews) – “Io non giudico Falcone e Borsellino,qualsiasi cosa dicessi sarebbe strumentalizzata”: lo ha dettoSalvo Riina, il figlio del boss Totò, nell’intervista condotta da Bruno Vespa, che questa sera andrà in onda a Porta a Porta suRai1.
“Qualsiasi opinione esprimessi su di loro verrebbestrumentalizzata”, ha ribadito, rispondendo alle domande delconduttore, il quale ricordava gli “eroi” della lotta alla mafiaFalcone e Borsellino; io – ha aggiunto Riina Jr ho rispettorispetto sempre per i morti, per tutti i morti”.
Vespa da parte sua, per giustificare la messa in onda dell’intervista, contestata tra gli altri da Rosi Bindi, presidente Pd della commissione parlamentare antimafia, ha detto che “per combattere la mafia bisogna conoscerla, e per conoscerla c’è bisogno anche di interviste come questa”.
“Tra poco – ha premesso Vespa prima dell’intervista -trasmetteremo l’intervista a un mafioso. E’ Salvo Riina, ilfiglio di Totò Riina, il capo dei capi della mafia, condannato asua volta per associazione mafiosa”. E “ciascun spettatore sifarà liberamente una propria opinione, grazie anche al dibattitoche ne seguirà con la partecipazione, tra l’altro, del figlio diuna delle vittime della strage di Capaci e uno dei fondatori diun’associazione anti-pizzo”.
“Abbiamo intervistato – ha sottolineato Vespa – il figlio di TotòRiina perché per la prima volta avremo l’occasione di conoscerela mafia dall’interno della sua famiglia più importante.Ventiquattro anni di latitanza trascorsi senza quasi nascondersi,una complicità diffusa, la solidarietà totale della famiglia”.
“Un ritratto sconcertante, certo, ma – ha concluso il conduttoredi Porta a Porta – per combattere la mafia, che tutt’ora èpotente e gode di protezioni diffuse, bisogna conoscerla. E perconoscerla meglio c’è bisogno a nostro avviso anche di intervistecome questa”.
Int9

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su