Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Amianto, Guariniello: l’India ne ha esportato in Italia

colonna Sinistra
Mercoledì 16 settembre 2015 - 12:00

Amianto, Guariniello: l’India ne ha esportato in Italia

Ma non risponde a richiesta di indicare i destinatari

Roma, 16 set. (askanews) – “Nei mesi scorsi abbiamo scoperto casualmente, leggendo un rapporto del governo di New Delhi, che l’India esporta amianto e che tra i suoi principali clienti c’è l’Italia. Siamo rimasti sbalorditi, visto che da noi è vietato. Abbiamo lavorato con l’Agenzia delle Dogane per cercare di capire chi fossero i destinatari di queste forniture ma non ne siamo venuti a capo. Allora ci siamo rivolti all’autorità giudiziaria indiana, chiedendo che ci dicessero dove avevano spedito l’amianto, ma non abbiamo ricevuto risposta. Non possiamo mica andare a indagare in India – ha osservato Guariniello – potremmo dire loro: ‘Ridateci i marò, noi vi restituiamo l’amianto'”. Lo ha detto, intervistato a Voci del Mattino, Radio1 Rai, il magistrato Raffaele Guariniello, capo del pool sanità della Procura di Torino.

Altro fronte, quello dell’inchiesta su novemila automobili cinesi arrivate sul mercato italiano. “Inaspettatamente – ha detto il magistrato – ci siamo trovati di fronte migliaia e migliaia di autovetture con particolari in amianto e ci siamo posti anche un problema della prevenzione, perché c’era il rischio che a togliere l’amianto fossero i concessionari. Ora, occorre smontare quelle auto, togliere l’amianto presente e poi rimontarle correttamente. E’ stato un duro lavoro di decine e decine di ASL, che hanno imposto ai concessionari sparsi sul territorio nazionale queste operazioni di smantellamento, da effettuare nel rispetto di tutte le misure di sicurezza. Chiaramente – ha aggiunto Guariniello – si pone a monte un problema di vigilanza, visto che queste irregolarità non ci sono state segnalate dagli organi preposti. Ora il governo, nell’ambito del Jobs Act, ha creato una struttura ad hoc, l’Ispettorato nazionale del lavoro, e speriamo che questa agenzia possa lavorare efficacemente su tutto il territorio nazionale e non solo in alcune città, come Torino”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su