Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Anno giudiziario, Bologna: delegittimazione giudici non cambia

colonna Sinistra
Sabato 24 gennaio 2015 - 10:40

Anno giudiziario, Bologna: delegittimazione giudici non cambia

Lucentini duro contro il Governo: mezzucci per farsi bello
20150124_104002_FB18888A

Bologna, 24 gen. (askanews) – Sono passati i tempi in cui Berlusconi attaccava quotidianamente i giudici definendoli “disturbati mentali” o “mafiosi”. Ma la delegittimazione da parte della politica e, in particolare, del Governo è sempre la stessa: “Quello che è cambiato è solo il metodo, che è diventato mediaticamente più sottile, e dunque di maggiore suggestività”. Duro l’attacco all’esecutivo di Renzi che il presidente della Corte d’appello di Bologna, Giuliano Lucentini, ha riservato nella sua relazione all’inaugurazione dell’anno giudiziario.

E’ quasi al termine della sua relazione che Lucentini si sofferma sul rapporto delicato magistrati e giudici con la politica e le istituzioni che governano il Paese. Il passaggio più duro è quello in cui contesta il dibattito sulle “troppe ferie dei magistrati” avviato nei mesi scorsi dal premier sul sito del governo. “Non mi interessa – pur essendoci molte cose da dire (niente affatto liquidabili con quell’irrispettoso ‘Brrr, che paura?’) – la questione delle ferie, cioè se sia stato giusto ridurle oppure no, che è cosa del tutto secondaria – ha spiegato il presidente della Corte d’appello di Bologna -. Quel che conta è lo sconsolante accostamento delle due proposizioni: meno ferie, giustizia più veloce”.

(segue)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su