Header Top
Logo
Martedì 26 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ebola, il racconto: “Così ho riportato Pulvirenti in Italia”

colonna Sinistra
Giovedì 22 gennaio 2015 - 17:26

Ebola, il racconto: “Così ho riportato Pulvirenti in Italia”

Il col. Arganese dell'Aeronautica: "Restiamo sempre in allerta"
20150122_172647_F6C55344

Roma, 22 gen. (askanews) – La telefonata è arrivata nella serata di domenica. E lunedì mattina il Boeing 767 dell’Aeronautica Militare era già pronto per partire per Freetown, in Sierra Leone. Lunedì notte, alle 22, Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency colpito dal virus Ebola era già sul velivolo, per essere trasportato a Roma, all’ospedale Spallanzani, dove poi avrebbe ricevuto le cure necessarie.

La tempestività, la competenza e le strumentazioni adatte hanno fatto sì che il medico potesse salvarsi. Il colonnello dell’Aeronautica Militare Ferdinando Arganese, uno dei cinque istruttori certificati del team di bio-contenimento e uno dei caposquadra del team che è volato in Sierra Leone riportando Pulvirenti in Italia, racconta la vicenda. “Era domenica sera, è arrivata la richiesta dalla nostra sala operativa per il trasporto di un malato affetto da Ebola in Sierra Leone. Lunedì mattina eravamo già pronti per il decollo – dice – siamo arrivati in Sierra Leone con il Boeing alle 22.00 ore locale; a mezzanotte avevamo già il paziente pronto per il decollo. Alle 6 della mattina di martedì eravamo già in Italia”. “Velocità, tempestività ed esecuzione di tutte le procedure ha consentito la migliore gestione clinica del paziente”.

L’Italia, insieme alla Gran Bretagna, è l’unico Paese al mondo dotato di speciali isolatori avio-trasportabili in grado di trasportare pazienti altamente contagiosi in totale sicurezza. “Ritardare il trasporto in un malato di Ebola – ha spiegato il col. Arganese – significa rischiare che cominci a manifestare i sintomi emorragici e il successo si riduce. Competenza perché abbiamo messo a frutto dieci anni di esperienza, ma sempre sul territorio nazionale. Questa è invece stata la prima esperienza internazionale del team di biocontenimento”.

Il team di bio-contenimento dell’Aeronautica Militare, composto da due squadre – una pronta in 8 ore e l’altra in 24 ore – resta comunque in una situazione di allerta. “L’Oms fortunatamente ci sta dando dati confortanti – ha concluso – il numero dei morti si sta riducendo e anche quello dei pazienti infetti. Ma restiamo sempre in allerta, pronti al decollo”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su