Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Terrorismo, Alfano: 4 italiani tra i foreign fighters

colonna Sinistra
Venerdì 9 gennaio 2015 - 12:49

Terrorismo, Alfano: 4 italiani tra i foreign fighters

La polizia italiana conosceva un ricercato per la strage a Parigi
20150109_124921_F3D7D9EE

Roma, 9 gen. (askanews) – Sono circa 3mila i ‘foreign fighters’, i combattenti stranieri censiti in Europa, mentre “il nostro paese è interessato da numeri molto più esigui: risutano infatti 53 le persone finora coinvolte nei trasferimenti verso i luoghi di conflitto che hanno avuto a che fare con l’Italia nella fase di partenza o anche solo in quella di transito. Quattro di esse hanno nazionalità italiana, come il genovese Delnevo morto in combattimento e un giovane marocchino naturalizzato che di trova attualmente in un altro paese europeo”. Lo ha detto alla Camera il ministro dell’Interno, Angelino Alfano nel corso di una informativa urgente dopo il tragico attentato di Parigi.

Il responsabile del Viminale ha confermato che “l’Italia è anch’essa toccata dal fenomeno dei ‘foreign fighters’, sebbene in misura sensibilmente minore ad altri paesi Occidentali”, e l’impegno del nostro paese si sta concentrando “ad intercettarne e a monitorarne eventuali tentativi di rientro in Italia e a controllarne ogni spostamento. La quasi totalità di queste persone è ancora attiva nelle zone di guerra mentre un’altra parte, decisamente minoritaria, è deceduta in combattimento o detenuta in altri paesi”.

Il ministro ha anche rivelato che il trentaduenne franco-algerino Cherif Kouachi, uno dei tre terroristi che hanno partecipato alla strage di Parigi, “era noto anche alle forze di polizia italiane, in quanto implicato nelle filiere dell’estremismo islamico dirette in Iraq e più volte sottoposto dalle autorità francesi a misure restrittive”. Cherif Kouachi, ha sottolineato comunque Alfano, “non è stato mai presente sul territorio nazionale”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su