Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Treviso: costrette a pagare per prostituirsi. Tre arresti a Treviso

colonna Sinistra
Mercoledì 27 novembre 2013 - 10:37

Treviso: costrette a pagare per prostituirsi. Tre arresti a Treviso

(ASCA) – Treviso, 27 nov – Costringevano le ragazze a versareogni settimana 500 euro per occupare il tratto della stradadove si prostituivano. Per questo i carabinieri del nucleo investigativo delcomando provinciale di Treviso hanno arrestato tre persone -N.D, albanese del 1978; R.L. macedone del 1984; C. A. L.,cittadina romena del 1989 – per i reati di favoreggiamento esfruttamento aggravato della prostituzione nei confronti dipiu’ giovani donne originarie dell’Europa dell’est.

A denunciarli erano state due sorelle romene che si sonoribellate ai loro ”protettori” e si sono rivolte aicarabinieri, stanche di subire le continue vessazioni eminacce di morte da parte degli indagati.

Gli investigtori hanno identificato almeno altre tre donnesfruttate dal sodalizio criminale che aveva organizzato unavera e propria attivita’ di tratta e reclutamento all’esterodi giovani ragazze indotte alla prostituzione in Italia,fatte giungere periodicamente presso l’aeroporto di Trevisoed alloggiate in strutture ricettive della provincia. I due uomini gestivano personalmente i loro traffici e siavvalevano della collaborazione della donna che controllavain strada il ”lavoro” delle giovani sottomesse agliindagati e segnalava tempestivamente ai complici la presenzadi eventuali nuove prostitute, subito allontanate o indotte a”pagare” per prostituirsi, nello specifico, lungo il trattodella strada statale ”Pontebbana” nei territori comunali diGodega di Sant’Urbano (Tv) e San Fior (Tv). Tutto andava avanti dallo scorso aprile.

Le indagini sono state coordinate da Iuri De Biasi,sostituto procuratore presso il tribunale di Treviso, il cuiGip ha poi emesso l’ordinanza di custodia cautelare incarcere.

I due uomini sono detenuti presso la casa circondariale diTreviso, mentre la donna a Venezia: sono ora a disposizionedell’autorita’ giudiziaria.

com-stt/gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su