Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Discriminazioni: famiglie numerose a Barilla, inviti anche noi al Board

colonna Sinistra
Venerdì 15 novembre 2013 - 20:26

Discriminazioni: famiglie numerose a Barilla, inviti anche noi al Board

(ASCA) – Roma, 14 nov – Ha fatto notizia l’annuncio delmanagement del gruppo Barilla di voler costituire un boardcon il compito di sviluppare una nuova strategia comunicativaed aziendale sempre piu’ attenta alle minoranze, spessodiscriminate, del nostro Paese.

Plaude all’iniziativa il leader delle Famiglie numeroseGiuseppe Butturini che ha scritto a Guido Barilla: ”Ciauguriamo che il nuovo piano vorra’ tener conto anche dellecondizioni delle famiglie numerose del nostro Paese – silegge nella missiva. Sono circa 120mila le famiglie conalmeno quattro figli presenti in Italia, quasi tutti ghiottedi pasta. La nostra associazione li rappresenta. Famiglie cherivendicano la piena applicazione della carta costituzionaleche le vorrebbe incoraggiate e sostenute dallo Stato. E cheinvece si sentono penalizzate e spesso, appunto,discriminate. Una recente ricerca condotta su un campionerappresentativo di famiglie con piu’ figli, offre unainteressante lettura di quale sia la loro percezione. Alladomanda: siete mai stati vittime di discriminazioni, soprusi,insulti e minacce per il fatto di essere famiglie numerose?il 27.90% delle coppie intervistate ha risposto si’, spesso,il 23,51% si’, e’ capitato almeno una volta, mentre menodella meta’, il 48.58% ha risposto no, mai.

Gli episodi di discriminazione piu’ frequenti denunciatidalle Famiglie numerose: inviti all’aborto, la troncatura diuna carriera lavorativa, dimissioni in bianco o contratti atempo determinato non rinnovati alle donne che comunicavanoal loro datore di lavoro di essere incinta, fino alledifficolta’ incontrate nella prenotazione di alberghi,villaggi turistici, ristoranti che mal sopportavano lapresenza di bambini. E musei interdetti ”a cani epasseggini”. A tutti questi episodi si aggiungano politichefamiliari deficitarie, un fisco mai family-friendly, unascarsa considerazione attribuita dallo Stato al carico che siassume una coppia mettendo al mondo un figlio.

Il nostro osservatorio politico – continua Giuseppe Butturini- ormai da tempo, e’ un laboratorio di emendamenti, disegnidi legge, mozioni. Ma la nostra battaglia e’ soprattuttoculturale e, certo, la vostra idea ci solletica. Di qui laproposta: abbiamo letto della costituzione di un advisoryboard all’interno del vostro gruppo. Abbiamo esperienze eprofessionalita’ adatte per farne parte, se solo voi lovorrete. Sara’ un’occasione per entrambi”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su