Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Commercio: Coldiretti, dalla Cina 2 prodotti contraffatti su 3 (65%)

colonna Sinistra
Lunedì 11 novembre 2013 - 11:21

Commercio: Coldiretti, dalla Cina 2 prodotti contraffatti su 3 (65%)

(ASCA) – Roma, 11 nov – Quasi due prodotti contraffatti sutre (655) in arrivo nel mercato europeo provengono dalla Cinache si conferma essere la centrale mondiale dellafalsificazione. E’ quanto emerge da una analisi dellaColdiretti sulla base della relazione annuale dellaCommissione europea sulle azioni delle dogane per il rispettodei diritti di proprieta’ intellettuale (Dpi) nel 2012.

Le dogane dell’Unione Europea – sottolinea la Coldiretti -hanno sequestrato quasi 40 milioni di prodotti per un valoredelle merci intercettate vicino al miliardo di euro. Iprodotti maggiormente contraffatti in termini di valore sono- precisa la Coldiretti – gli orologi (20 per cento), borse eportafogli (15%), vestiti (12%), profumi e cosmetici (7%) esigarette (6%). Con la crisi in Italia – continua laColdiretti – sono in crescita le contraffazioni alimentaricon un aumento del 170% del valore dei cibi e bevandesequestrate dai carabinieri dei Nas nei primi nove mesi del2013 rispetto al 2007.

Nei primi nove mesi del 2013 sono stati requisiti beni eprodotti per un valore di 335,5 milioni di euro soprattuttocon riferimento a prodotti base dell’alimentazione come lacarne (24%), farine pane e pasta (16%), latte e derivati(9%), vino ed alcolici (8%), ma anche in misura rilevantealla ristorazione (20%) dove per risparmiare si diffondepurtroppo l’utilizzo di ingredienti low cost, secondo leelaborazioni Coldiretti sui dati dei carabinieri dei Nas.

Nel caso degli alimentari il reato di contraffazione e’piu’ grave perche’ si possono avere anche pericolosi effettisulla salute e, spesso a differenza degli altri prodotti, lavendita di prodotti taroccati – sottolinea la Coldiretti -avviene all’insaputa dell’acquirente. Ad esserne vittimaquest’anno e’ stato quasi un italiano su cinque (18%) secondol’indagine Coldiretti/Ixe’. Le difficolta’ economiche hannocostretto molti italiani a tagliare la spesa alimentare e apreferire l’acquisto di alimenti piu’ economici vendutispesso a prezzi troppo bassi per essere sinceri, cherischiano di avere un impatto sulla salute.

Dietro questi prodotti spesso si nascondono, anche,ricette modificate, l’uso di ingredienti di minore qualita’ ometodi di produzione alternativi ma – conclude la Coldiretti- possono a volte mascherare anche vere e proprieillegalita’, come e’ confermato dall’escalation deisequestri.

red/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su