Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Difesa: Capo Stato Maggiore, tecnologia serve a ridurre perdite umane

colonna Sinistra
Martedì 29 ottobre 2013 - 19:39

Difesa: Capo Stato Maggiore, tecnologia serve a ridurre perdite umane

(ASCA) – Roma, 29 ott – ”Le nuove tecnologie, applicate allagestione remota o autonoma di sistemi complessi, permettonodi ridurre l’esigenza di personale, ma anche di ridurre ilrischio fisico per l’uomo in numerosi contesti, nonnecessariamente militari. Aspetto questo non affattosecondario se si pensa al crescente impatto sull’opinionepubblica, sempre meno disposta e capace di sopportare perditeumane anche per le missioni piu’ nobili e condivise dallacomunita’ internazionale”. E’ quanto ha evidenziato il Capo di Stato Maggiore dellaDifesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, nel suo interventoquesta mattina a Roma al convegno nazionale ”Remotizzazionee robotizzazione nelle Forze Armate”, organizzato dal CentroStudi Difesa e Sicurezza con il patrocinio di FinmeccanicaS.p.A.. Il convegno – illustra una nota – ha fornito aipartecipanti preziose informazioni sull’attuale livello dipresenza di sistemi robottizati e remotizzati presso le Forzearmate italiane e sulle prospettive, a breve medio termine,di inserimento di nuovi sistemi. L’Ammiraglio Binelli, dopo aver illustrato pregi ecriticita’ della robotizzazione e della remotizzazione haaffrontato il tema della realizzazione del giusto compromessotra capacita’ tradizionali e di alta tecnologia. ”Esistono -ha spiegato – situazioni operative nelle quali fa premio lapresenza sul campo dell’uomo, cioe’ di un’intelligenza e diuna volonta’ mediate da un complesso di fattori che spazianodal bagaglio culturale, alla sensibilita’, al buon senso eanche ai sentimenti di umanita’, peculiari dell’intelligenzanaturale e che non potranno mai essere riprodottiartificialmente. Il ‘soldato consapevole’ di cui si parla inambito Nato – ha proseguito l’Ammiraglio – e’ un valoreirrinunciabile che nessuna macchina e nessun sistema remotopotra’ mai sostituire. L’uomo – ha concluso Binelli – rimanel’elemento centrale, con la sua sensibilita’ e il suo intuito’fuori dagli schemi’, di ogni operazione militare”.

com-stt/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su