Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma: Bertone (Cisl), e’ allarme ammortizzatori sociali in deroga

colonna Sinistra
Venerdì 25 ottobre 2013 - 13:35

Roma: Bertone (Cisl), e’ allarme ammortizzatori sociali in deroga

(ASCA) – Roma, 25 ott – ”Servono 35 milioni di euro per dareun minimo di serenita’, almeno fino alla fine dell’anno incorso, a oltre 17mila lavoratori della nostra regionedestinatari degli ammortizzatori sociali in deroga, cassaintegrazione e mobilita’. Questo significa che, se la RegioneLazio ha un bilancio con disponibilita’ di spesa di cassacomplessiva di 36,5 miliardi di euro, serve appena lo 0,1 percento di questo bilancio per il rifinanziamento delladeroga.

Un rifinanziamento che ha bisogno di una proroga urgente dicui ancora la Regione Lazio non ci da’ notizia. Noi siamomolto preoccupati”. A sollevare l’allarme sui mancatirifinanziamenti della cassa e mobilita’ in deroga nellaregione Lazio e’ il segretario generale della Cisl di Roma eLazio Mario Bertone.

”Secondo i dati in nostro possesso, in questi ultimi duemesi del 2013 ci sono quasi 8mila lavoratori in cassaintegrazione in deroga, che arrivano a circa 13mila stimandoanche quelli che sono in attesa di ricevere l’indennita’. Aqueste persone si sommano i 3500 circa che sono in mobilita’in deroga piu’ un migliaio che sono in attesa, un numeroperaltro in contrazione rispetto agli anni precedenti grazieai filtri di accesso esercitati dai sindacati confederali.

L’ultimo accordo di proroga di questi ammortizzatori socialiin deroga ha una copertura in scadenza il 31 ottobreprossimo. Alla fine di ottobre oramai ci siamo e non si e’mosso ancora nulla. Che cosa dobbiamo dire ai tantilavoratori che sono giustamente preoccupati, ci chiamano e cichiedono se ci sono notizie riguardo alla loro unica fonte disostentamento’?”. ”Come se non bastasse, conclude Bertone,sono anche aumentate notevolmente le difficolta’ burocratichedella procedura di accesso a questi ammortizzatori sociali ese in passato si doveva attendere un periodo di massimo 3mesi, oggi il tempo si e’ raddoppiato. Questo significa cheoggi i lavoratori devono sopravvivere 6 mesi senza stipendioe senza indennita”’. Bet/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su